Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

La poesia di Ariele D’Ambrosio si mette al servizio dell’impegno civile


La poesia di Ariele D’Ambrosio si mette al servizio dell’impegno civile
19/04/2012, 12:04

La poesia di Ariele D’Ambrosio si mette al servizio dell’impegno civile: diventa contenuto emotivo e cornice d’accoglienza per un incontro che vedrà confrontarsi relatori esperti del sistema acqua. L'originale evento “Sete: trittico per una civiltà dell'acqua” - a cavallo tra arte, cultura e sensibilizzazione sociale – si svolgerà a Napoli giovedì 19 aprile alle ore 18 e 30 alla Domus Ars, Chiesa San Francesco Delle Monache in via Santa Chiara 10. Ogni relatore d'eccezione analizzerà il tema acqua da varie prospettive: il padre comboniano Alex Zanotelli su “L’acqua è la vita del mondo: testimonianze per una civiltà dell’uomo”; lo psicologo Francesco Aquilar su “Quando d’acqua ce n’è poca: società e solidarietà”; l'epidemiologo Giorgio Liguori su “L'igiene dell’acqua: cosa fare cosa non fare”; l'ingegnere esperto di infrastrutture idrauliche Luca Ciardiello su “L’acqua e il rispetto negato: scorre ancora tra il cemento delle sue rive sotto il cemento delle città”; l'ingegnere di origini egiziane Mohamed Tewfic su “La distribuzione dell’acqua: importanza sociale e complessità”. Agli interventi (due per volta) seguirà una poesia declamata da Ariele D’Ambrsosio accompagnata dalla musica originale del compositore Mimmo Napolitano con Giuseppe Di Colandrea al clarinetto, Raffaele Sorrentino al violoncello e Carlo Sparano al contrabbasso. L'ingresso alla Domus Ars è libero. Per maggori informazioni sull'autore e le sue opere: www.arieledambrosio.it

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©