Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Sarà protagonista al festival di Viareggio

La poetessa punk Patti Smith,“intrigata” da Giorgio Gaber


La poetessa punk Patti Smith,“intrigata” da Giorgio Gaber
14/07/2012, 11:07

ROMA  - La poetessa del punk, Patti Smith , a Milano per presentare l'album Banga e il tour italiano che il 21 luglio la vedra' al festival Gaber di Viareggio si dice “intrigata” da Giorgio Gaber, che ritrova in una delle sue canzoni, People have the power. L’artista  ha detto in merito al concerto che terrà in Italia: ''Quando i governi non sanno dare giustizia le persone si riuniscono, pregano, oppure fanno un concerto''. E' un apporto ''umano, non politico'' quello che la Smith dara' il 15 luglio a Bologna al concerto per ricordare Ustica.
PATTI SMITH -A ventotto anni e 30 giorni entra nel mondo della musica, dapprima con timidi readings di poesia e suoni (con il chitarrista Lenny Kaye) poi con singoli di etichette indipendenti, infine con un album prodotto da John Cale. Horses del 1975 fa letteralmente epoca per la voce passionale e inebriata, per la visionaria qualità poetica (dylaniana, morrisoniana per certi versi) e per la sferza della musica, un nudo rock elettrico che qualcuno ha definito punk, anche se quel termine avrebbe poi assunto una diversa sfumatura con l'avvento dei Sex Pistols e delle band britanniche. Escono Radio Ethiopia (1976), Easter (1978) e Wave (1979): Patti diviene regina di un rock intelligente e nuovo, ammaliando i critici ma visitando anche le classifiche ("Because the Night", scritta da Bruce Springsteen) e riuscendo a mantenere credibilità nei passaggi più spericolati, come quando nelle note al quarto album, Wave, inserisce una foto di Papa Luciani e la scritta "la musica è riconciliazione con Dio". Nel 1979, dopo un trionfale tour italiano, Patti Smith annuncia a sorpresa il suo ritiro dalle scene e sposa il chitarrista degli MC5 Fred 'Sonic' Smith, a cui è dedicato il brano Frederick e dal quale ha due figli: Jackson (1981) e Jessica (1987). Nel 1988 pubblica un disco gradevole ma sospeso a mezz'aria: Dream of Life. L'album contiene People Have The Power, una delle sue maggiori hit, che diverrà un vero e proprio inno alla libertà e alla democrazia.

 

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©