Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

La pellicola sarà presentata lunedì sera a Napoli

"La polvere e il vuoto", a trent'anni dal terremoto del 1980


'La polvere e il vuoto', a trent'anni dal terremoto del 1980
17/11/2010, 17:11

NAPOLI -  E' stato messo in calendario per lunedì 22 alle 20,30, presso il cinema La Perla di Napoli,  il film documentario “La polvere e il vuoto” a trenta anni dal terremoto del 1980. Il film è scritto e diretto da Beniamino Daniele con la collaborazione di Anna Maria Giaquinto e Brunella Rispoli; riprese e montaggio di Beniamino Daniele e Ivano De Simone e fotografia di Serena Marra. Alla presentazione interverranno con l’autore: Peppe Manzo (Corriere del Mezzogiorno), Ciro Pellegrino (Il Mattino), Luca Romano (presidente del Coordinamento giornalisti precari della Campania), Alessandro Di Rienzo (agenzia Ami). “La polvere e il vuoto” è ciò che ricordano gli anziani di Conza della Campania della scossa del 23 novembre 1980. Il sisma rase al suolo il paesino in provincia di Avellino e uccise trecento persone. In Campania e Basilicata i morti furono quasi tremila. “La polvere e il vuoto” è l’eredità dimenticata di tutte le tragedie italiane, per certi versi molto simili tra loro.“La polvere e il vuoto” è ciò che resta di un’inchiesta giudiziaria chiamata a far luce sul fiume di denaro che avrebbe dovuto cambiare il volto della regione – circa 57mila miliardi di vecchie lire – e che si è conclusa con una serie di prescrizioni. A trent’anni dal sisma in Irpinia, il documentario scritto e diretto da Beniamino Daniele, ripercorre i giorni che sconvolsero una delle aree più povere d’Italia. In apertura una copertina con lo scrittore napoletano Erri De Luca. Poi il racconto delle persone che vissero da vicino quella tragedia: l’inedita testimonianza di un soccorritore d’eccezione, il regista Ettore Scola, i giornalisti Lino Zaccaria de Il Mattino e Mimmo Rossi dell’Ansa, l’allora Commissario straordinario di Governo all’emergenza terremoto, poi fondatore della Protezione civile, Giuseppe Zamberletti, il geologo dell’Università Federico II di Napoli Franco Ortolani. Nella seconda parte del documentario, dedicata agli anni della ricostruzione, gli interventi di Peppe Ruggiero, coautore del rapporto Ecomafie di Legambiente, dello storico e scrittore Isaia Sales, del direttore dell’Osservatorio sulla camorra Amato Lamberti e del giudice Vincenzo Albano. A questi si aggiungono i ricordi dei superstiti di Conza della Campania, epicentro del sisma, dell’ex sindaco del paese Felice Imbriani, tra i pochi amministratori sopravvissuti alla scossa e in quei giorni coordinatore dei soccorsi di tutta la zona, dell’attuale primo cittadino Raffaele Vito Farese.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©