Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

La presentazione di Green Italia a Napoli


La presentazione di Green Italia a Napoli
24/10/2013, 10:52

NAPOLI - Green Italia, il nuovo movimento politico ambientalista si presenta a Napoli per parlare del futuro e cambiare insieme il presente. La presentazione si svolgerà venerdi’ 25 ottobre alle ore 10 presso il Maschio Angioino, con la partecipazione di imprenditori, ambientalisti, esponenti della cultura e della società civile.
Siamo GREEN – si legge nel manifesto del nuovo movimento politico- perché pensiamo che solo a partire da un “green new deal” si può ritrovare speranza in un futuro migliore del presente e si possono superare le grandi crisi – sociale, economica, ecologica – dell’Italia e del mondo. Serve un nuovo patto sociale fondato sulla green economy e sulla conversione ecologica di produzioni e consumi: un patto per risollevare l’Italia nel segno della sostenibilità ambientale e sociale; per creare ricchezza senza distruggere la natura, il paesaggio e gli equilibri ecologici; per creare lavoro investendo nella qualità ambientale e nelle altre grandi risorse immateriali come l’educazione, la cultura, la conoscenza, la coesione sociale, la partecipazione democratica, la legalità. Amiamo l’Italia, per questo la vogliamo più sostenibile, più dinamica, più equa, più civile. Crediamo che il nostro Paese abbia le risorse materiali e morali, il patrimonio di saperi scientifici e tecnologici, necessari a garantire una prospettiva di sviluppo duraturo e di benessere diffuso: ma tale possibilità non è scontata, per concretizzarla occorre dare nuova centralità ai valori dell’equità sociale, della sostenibilità ambientale, dell’etica pubblica, della promozione del merito individuale.
Crediamo che l’Italia non sia condannata alla decadenza ma abbia in sé la forza per rialzarsi, per dare risposte innovative ed efficaci ai grandi problemi sociali, economici, ambientali, civili che l’assillano e ritrovare così un futuro all’altezza della sua storia, per partecipare da protagonista alla costruzione di un’Europa democratica e federalista.
Per curare i mali italiani – lavoro che manca, politica screditata, Stato e servizi pubblici inefficienti, illegalità diffusa, merito ignorato, ambiente e territorio maltrattati, città degradate – servono scelte pubbliche di profondo, radicale cambiamento, che restituiscano ai cittadini speranza nel futuro e riannodino il legame fiduciario oggi spezzato tra rappresentati e rappresentanti.
Il malcontento e la protesta sempre più diffusi sono reazioni giustificate, come legittima e fondata è la sfiducia crescente verso la politica, incapace di offrire soluzioni efficaci alla crisi molteplice di questi anni. Malcontento e protesta sono legittimi, ma da soli non producono il necessario cambiamento. L’Italia sembra prigioniera di una palude immobile, il nostro obiettivo è contribuire con idee e proposte simboleggiate dalla parola “green” – già largamente presenti nel dibattito pubblico europeo – ad un progetto politico di forte innovazione che aiuti gli italiani a liberarsi dalla palude e a ritrovare la via di un futuro desiderabile.
Noi promotori di questo “manifesto” siamo cittadine e cittadini italiani con diverse – o con nessuna – esperienze politiche alle spalle. A unirci non sono le convinzioni del passato, a unirci è una stessa idea di futuro che finora in Italia non ha trovato spazio nella politica ma che in Europa è già fatta propria da partiti e movimenti: a questa idea abbiamo dato il nome di GREEN ITALIA. Il nostro obiettivo è offrire agli elettori italiani un’altra scelta da quelle oggi disponibili: la scelta di un progetto politico fondato sull’idea di un “green new deal” per l’Italia, sulla convinzione che questa prospettiva sia la più efficace e realistica per il nostro Paese, sulla speranza che la nostra presenza renda più “green” anche le forze politiche tradizionali.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©