Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Per un film mai apparso nelle sale

La Rai finanziò l'amica del premier con un milione di euro


La Rai finanziò l'amica del premier con un milione di euro
30/11/2010, 08:11

ROMA - Aumentano le stranezze legate al film "Goodbye Mama", diretto da Dragomira Michelle Bonev e fortemente sostenuto dal Presidente del Consiglio italiano SIlvio Berlusconi, attraverso il Ministro della Cultura Sandro Bondi. Non solo è stato portato alla Mostra del Cinema di Venezia a spese del Paese ricevente (e quindi l'Italia) ma è stato confezionato un premio ad hoc, spendendo 400 mila euro. Inoltre è stato un film quasi interamente finanziato dall'Italia. Sui quasi 3 milioni di costo, solo 150 mila euro provengono dalla Bulgaria, e più esattamente dal centro nazionale per la cinematografia bulgara (la National Film Kommission non ha ritenuto di assegnare neanche un centesimo); tutto il resto della somma arriva dall'Italia. E in particolare un milione di euro sono stati versati dalla Rai, attraverso la controllata Rai Cinema. L'ha confermato l'allora amministratore delegato di Rai Cinema, Caterina D'Amico. Ha raccontato che ricevette una lettera dal direttore generale della Rai, Mauro Masi, in cui le si ordinava di finanziare la regista bulgara nell'ambito di "un accordo strategico di coproduzione televisiva Italia-Bulgaria". 
La versione è stata confermata anche dall'attuale amministratore delegato della controllata Rai, Paolo Del Brocco: "Abbiamo acquistato i diritti del film dalla Romantica Entertainment. Chi c'era nella produzione di quel film? Non sono tenuto a saperlo". Un acquisto che non renderà un gran che, visto che, asserisce Del Brocco, non si sa neanche se andrà nelle sale.
Ma è interessante l'accenno alla Romantica Entertainment. E' la società di produzione della Bonev, in cui figura anche Licia Nunez: attrice e showgirl, è una delle ragazze reclutate da Gianpaolo Tarantini per i festini di Villa Certosa o di Palazzo Grazioli. Il mondo è piccolo, dopotutto.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©