Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Continua lo smantellamento della TV pubblica

La Rai perde un altro pezzo: anche la Dandini verso La7


La Rai perde un altro pezzo: anche la Dandini verso La7
30/08/2011, 16:08

ROMA - Ormai la Rai è completamente in disarmo: cacciato Michele Santoro, perso Roberto Saviano (e quindi la possibilità di rifare "Vieni via con me" insiene a Fabio Fazio), ancora irrisolto il problema della tutela legale per Milena Gabanelli (sembrava fatta, ma come si dice, il diavolo si annida nei dettagli), adesso sul piede di partenza è Serena Dandini. A quanto pare, la Rai - pur avendo messo il programma in palinsesto - ha scarsa voglia di far partire "Parla con me", tanto che i lavori di ristrutturazione del nuovo studio sono stati fermati in attesa delle decisioni del Cda. E quindi si è fatto vivo Paolo Ruffini, ex direttore di RaiTre ora passato a La7, che pare abbia contattato la conduttrice, invitandola a trasferirsi con tutto il gruppo sulla rete di proprietà di Telecom Media. Il programma sarebbe diverso (il format "Parla con me" è di proprietà della Rai e della Fandango, quindi non è trasportabile altrove senza il consenso della Tv di Stato), ma la squadra identica.
In questa maniera verrebbe eseguito quasi completamente l'ukase italiano (visto che è stato fatto in Italia e non in Bulgaria come quello del 2002) che voleva fuori dalla Rai Fazio, Gabanelli, Dandini, Santoro e Floris. Con solo il primo a mezzo servizio col servizio pubblico, e l'ultimo che comunque non sarà servile verso il premier come altri conduttori, ma è sufficientemente "elastico" da non opporsi a nulla.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©