Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Il 16 e 17 novembre al teatro G.Paradiso di Napoli

“La Ribalta” torna in scena con “La Fortuna si diverte”

Commedia teatrale scritta da Athos Setti

Nella foto Silvana Petti e Pasquale Esposito
Nella foto Silvana Petti e Pasquale Esposito
08/11/2013, 10:17

NAPOLI –  Ritorna a calcare le scene con la commedia “La Fortuna si diverte” di Athos Setti - libero adattamento di Silvana Petti e  direzione artistica di Pasquale Esposito -  la compagnia teatrale “La Ribalta”, protagonista della pièce nei giorni sabato 16  e domenica 17 novembre 2013 (sabato inizio alle ore 20:00 e domenica alle ore 17:30), al teatro G. Paradiso di Napoli (via Semmola, 16/N)

LA COMPAGNIA - “La Ribalta” (www.laribalta.net)  nasce dal genio e dallo spirito artistico di Silvana Petti e Pasquale Esposito, fuorigrottesi DOC, che hanno condiviso sul palco di grandi teatri locali e nazionali momenti di grandi emozioni, portando in scena con la propria compagnia teatrale lavori della tradizione teatrale partenopea, ma anche spettacoli musicali e testi di autori contemporanei, intraprendendo collaborazioni con il CRAL C.N.R. di Napoli e con il Dopolavoro delle F.F.S.S. (Deposito Campi Flegrei), organizzando spettacoli musicali e per bambini. Nel corso di questi anni  altre iniziative dell’associazione “La Ribalta” sono state intraprese a scopo benefico, mettendo esperienza e competenza al servizio del sociale. Proprio seguendo questo filone di iniziative, la compagnia ha intrapreso nuove collaborazioni con associazioni internazionali che si occupano di adozioni a distanza e ordini religiosi impegnati in missione estere, in particolar modo, in  Bangladesh.

“LA FORTUNA SI DIVERTE” -  Commedia di Athos Setti, liberamente adattata dalla regia, offre allo spettatore  due ore di pura comicità, ma anche di  riflessione su quanto l’essere umano - da sempre schiavo del dio “Denaro” -  davanti alla ricchezza annulla quanto più caro ci sia al mondo; i valori autentici che danno senso alla vita, i sentimenti verso i propri cari e la famiglia.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©