Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Dopo 50 anni un teatro ai Campi Flegrei con Paone e Sommella

La Sala Molière a Pozzuoli presenta la nuova stagione teatrale


.

La Sala Molière a Pozzuoli presenta la nuova stagione teatrale
15/10/2010, 13:10

In un’umanità che deride gli ultimi superstiti della arti, dare vita con non pochi sacrifici e peripezie ad un nuovo teatro sembra davvero un atto d’amore. Ecco perché la “Sala Molière” lo spazio nato in via Solfatara nel Parco Bognar a Pozzuoli, grazie all’impegno di due autorevoli personaggi del teatro nazionale come Cetty Sommella e Nando Paone e la presentazione di un cartellone di tutto rispetto, si trasforma davvero in un momento degno della più alta attenzione e considerazione. Donando di fatto alla città di Pozzuoli un teatro, i coraggiosi Sommella e Paone, hanno così gettato un fascio di luce su di un buio teatrale che in terra puteolana, totalmente priva di una sala dedicata al teatro recitato e studiato, durava da circa mezzo secolo. “Dopo aver messo a disposizione dei ragazzi un laboratorio capace di avviare i più predisposti alla professione d’attore - hanno detto Nando Paone e Cetty Sommella- con questo teatro, abbiamo realizzato una specie di sogno, che nel divenire realtà,  prova a rivitalizzare in una terra come Pozzuoli, il fermento per il grande spettacolo. Con il nuovo cartellone che propone in scena oltre agli stessi Paone e Sommella, autori ed artisti del calibro di Manlio Santanelli, Gea Martire, Antonella Stefanucci, Antonella Cioli ed Antonio Grimaldi, e la campagna abbonamenti, la Sala Molière proverà ad accontentare il pubblico nel segno della varietà e della qualità”. Situata nell’area multidisciplinare dell’ “Art Garage”, con una struttura davvero accogliente e moderna, la “Sala Molière”, animata da due temerari attori e registi come Sommella e Paone , porta così a Pozzuoli, un piccolo ma grande teatro capace di fare soffiare, in una realtà spesso preda della più sfrenata commercializzazione, un poco di aria buona e di cultura. “Abbiamo messo a punto - hanno dichiarato ancora i direttori artistici ed organizzatori Cetty Sommella e Nando Paone- una sala climatizzata di settanta posti, dove, a partire dal prossimo 7 dicembre il cartellone ufficiale sarà anche, ogni quindici giorni, arricchito da una serie di spettacoli imperniati sulla musica e sulla danza. Con la Sala Molière, abbiamo inteso donare alla cittadinanza di Pozzuoli un luogo di aggregazione per tutta la famiglia, con l’intento di far conoscere il teatro di tradizione scritto da autori moderni, contemporanei, ma anche da scrittori della antica tradizione drammaturgica mondiale, attraverso la risata e il divertimento, anche come risposta al cabaret imperante in questi anni, che ha svuotato di significato la vera valenza del Teatro.  Tutti gli spettacoli che proponiamo, rivolti a tutte le fasce d’età, oltre al divertimento aggiungono motivi di riflessione e di discussione, nonché di conoscenza della vera tradizione teatrale, di cui noi napoletani soprattutto siamo da sempre portatori”.

 

Commenta Stampa
di Giuseppe Giorgio
Riproduzione riservata ©