Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

LA SCALA, IL DON CARLO DI VERDI TRA APPLAUSI E DISSENSI


LA SCALA, IL DON CARLO DI VERDI TRA APPLAUSI E DISSENSI
08/12/2008, 08:12

Otto minuti di applausi ma anche dissensi, soprattutto dal loggione, hanno accolto la conclusione del Don Carlo di Verdi, diretto da Daniele Gatti, che ha aperto la stagione alla Scala di Milano.
Al riaprirsi dei tendoni rossi, dopo la chiusura del sipario, il pubblico ha applaudito tutto il cast, nel suo complesso, riservando disapprovazioni in particolare per il basso Anatolij Kotscherga (il Grande Inquisitore). Sono stati applauditi calorosamente, invece, Dolora Zajick (la Principessa di Eboli), Fiorenza Cedolins (Elisabetta), Dalibor Jenis (Rodrigo). Applausi, con alcune disapprovazioni, anche per il tenore americano Stuart Neill, che ha sostituito Giuseppe Filianoti, provocando la reazione polemica del cantante italiano. Molti applausi e qualche dissenso anche per il maestro Gatti e il regista Stephane Braunschweig.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©