Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

La scienza asservita. Il manifesto della razza Per il ‘Giorno della memoria’ in ricordo di Rita Levi Montalcini


La scienza asservita. Il manifesto della razza  Per il ‘Giorno della memoria’   in ricordo di Rita Levi Montalcini
24/01/2013, 13:49

La scienza asservita. Il manifesto della razza Per il ‘Giorno della memoria’ in ricordo di Rita Levi Montalcini Aula Pessina - Dipartimento di Giurisprudenza - corso Umberto I - Napoli Venerdì 25 gennaio 2013 ore 9.30    Per il ‘Giorno della memoria’ e in ricordo di Rita Levi Montalcini presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Ateneo Federico II si terrà il convegno ‘La scienza asservita. Il manifesto della razza’. L’incontro è organizzato dal CIRB, Centro interuniversitario di bioetica, in collaborazione con il Dipartimento di Giurisprudenza federiciano, il Comitato Etico per le Attività BiomedicheCarlo Romano’ e il Seminario Permanente del Dipartimento di Scienze sociali dell’Università Federico II. L’appuntamento è per venerdì 25 gennaio 2013, alle 9.30, nell’Aula Pessina del Dipartimento di Giurisprudenza, in corso Umberto I, 40, a Napoli.

Presiederà i lavori Lucio De Giovanni, Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza. Apriranno i lavori i saluti di Massimo Marrelli, Rettore della Federico II, Pierluigi Campagnano, Presidente della Comunità ebraica di Napoli, e Lorenzo Chieffi, Direttore del Centro Interuniversitario di Ricerca Bioetica.

                Parteciperanno con relazioni Scialom Bahbout  (Torah e razza umana), Giuseppe Lissa (Le radici razziali del fascismo), Salvatore Mazzamuto (Giuristi ebrei e leggi razziali), Orazio Abbamonte (Il Tribunale della razza), Emilio D’Antuono (Finis patriae: scienza e razza), Ignazio Schinella (La chiesa e il razzismo), Clotilde Punzo (Brani dalla letteratura ebraica). Porterà la sua testimonianza Alberta Levi Temin. Le riflessioni conclusive saranno affidate a Roberto Di Lauro.

               Ci sarà un intervallo musicale con Antonio Ruocco, violino, col  Theme from ‘Schindler’s List’ by John Williams, 1993.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©