Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Al Royal Continental l'atteso incontro

La storica casa vinicola Marchese de' Frescobaldi presenta i suoi preziosi nettari


La storica casa vinicola Marchese de' Frescobaldi presenta i suoi preziosi nettari
25/05/2010, 16:05

Sarà il prestigioso Hotel Royal Continental sul lungomare, mercoledì 26 maggio, a partire dalle 20.30, a fare da ideale cornice per la degustazione dei pregiati vini della Marchese de’ Frescobaldi. Con due splendidi vini bianchi, un rosso d’eccezione ed un Vinsanto, la blasonata casa che accompagnerà la performance degustativa con un ricco buffet curato dallo chef Maro Falco, proporrà agli esperti ed estimatori dei suoi preziosi nettari il MORMORETO 2007-Toscana, IGT. Un grande vino del Castello, nato dall’omonimo vigneto con la vendemmia del 1983. I vitigni Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot, piantati 150 anni or sono, hanno trovato nel tempo un connubio ideale con il territorio esaltandone il carattere unico. Si tratta di un vino opulento,profondo, di grande finezza e longevità. Considerato che l’andamento climatico del 2007 è stato caratterizzato da un periodo primaverile e autunnale temperato, con precipitazioni scarse e senza stress termici e che a Luglio le temperature sono state elevate anche se da metà mese si sono abbassate e ad Agosto ha piovuto tanto e bene. La maturazione delle uve è dunque avvenuta gradualmente, in condizioni climatiche ottimali, con giornate calde e soleggiate e notti fresche. Ancora la Frescobaldi presenterà il POMINO BENEFIZIO RISERVA 2008 (Pomino DOC), Cru di grande eleganza e personalità che mostra un’incredibile ricchezza di profumi e toni aromatici. Nato da uve Chardonnay con la vendemmia 1973 nell’omonimo vigneto a 700 metri di altitudine è stato il primo bianco italiano fermentato in barrique. A seguire, in abbinamento ai gustosi manicaretti dello chef di casa, sarà possibile degustare anche il POMINO BIANCO 2009 (Pomino Bianco, DOC) nato da una delle zone della Toscana più vocate alla coltivazione dei vini bianchi con un uvaggio di Chardonnay e Pinot ed infine il delicato ed invitante VINSANTO 2004 (Pomino Vinsanto DOC) che prodotto da uve Chardonnay, Trebbiano e Sangiovese si presenta come un vino da meditazione che si abbina comunque felicemente a frutta secca e dolci.

Commenta Stampa
di Giuseppe Giorgio
Riproduzione riservata ©