Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

La Vittorio Pappalardo Vip lancia la poltrona dedicata al film "Vallanzasca. Gli angeli del male"


La Vittorio Pappalardo Vip lancia la poltrona dedicata al film 'Vallanzasca. Gli angeli del male'
20/01/2011, 12:01

Gessato da gangster americano e fondina porta pistola (con pistola ad acqua…): sono queste alcune delle caratteristiche della poltrona che la Vittorio Pappalardo Vip ha donato questa mattina al cast di del film di Michele Placido "Vallanzasca. Gli angeli del male".

Scenario d’eccezione è stata la conferenza stampa napoletana organizzata presso la sede della Fondazione Valenzi al Maschio Angioino. La prestigiosa fondazione con quest’iniziativa ha voluto contrapporre al “personaggio negativo” Vallanzasca la creatività e il saper fare napoletano.

Questa poltrona personalizzata, anche con il nome dell'utilizzatore, è solo l’ultima di una folta schiera che vede l’imprenditore napoletano Vittorio Pappalardo, che ha la sua azienda artigiana nel centro storico di Napoli, “vestire” alla moda le comode e raffinate sedute amate da imprenditori, artisti e leader politici.

Poltrone, per top-manager, ergonomiche e adattabili ovunque grazie alle molteplici varianti di tessuti, pelli e legni , che ne consentono un’integrazione totale in qualunque ambiente. Sedute personalizzabili in base ai gusti ed alle esigenze del cliente, dotate di un comodo appendigiacca/appendiborsa sul retro della poltrona stessa e di una capiente tasca laterale per contenere cellulare e specchietto per le signore. E per le più glam, la possibilità di incastonare un luccicante maxi cristallo Swarovski sui braccioli.

Per gli uomini, invece, pelle, eleganti tessuti gessati o fantasie prese in prestito dalle cravatte più esclusive.

Tutte le sedute firmate Vittorio Pappalardo, vengono, inoltre dotate di carta d’identità con descrizione, foto e matricola così da rintracciare, a distanza di tempo, il processo produttivo della stessa al fine di garantire un’assistenza postuma ottimale.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©