Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

LA WINEHOUSE NON VUOLE PIU' VIVERE


LA WINEHOUSE NON VUOLE PIU' VIVERE
30/06/2008, 16:06

Il padre la dava in fin di vita. I medici avevao parlato prima di turbercolosi, poi l'hanno ricoverata per enfisema polmonare, raccomandandole di stare lontana dai palchi, di non fumare, di stare lontana da droghe e alcol perché altrimenti con ci sarebbe più stato nulla che avrebbero potuto fare per salvarla. Ma per lei nessun riposo è possibile, quindi meglio fregarsene, continuare a fumare e berci su. Poi al concerto-evento in occasione dei festeggiamenti del 90esimo compleanno di Nelson Mandela, Amy Winehouse era riuscita, ancora una volta, a incendiare la folla con la sua musica e la sua voce, sempre straordinaria nonostante tutto.

Sabato sera non ha voluto rinunciare neanche al festival di Glastonbury, uno dei più famosi festival del rock mondiale, dove ad attenderla c'erano migliaia di fan entusiasti che l'hanno accolta e acclamata. Amy è apparsa in forma eccellente nonostante le voci sul suo stato di salute. Ma Wino ne ha combinata un'altra delle sue: ha preso a pugni un ammiratore, cercanco dei colpirlo più volte con grande foga, quella che le sue precarie condizioni fisiche e mentali ancora le consentono.

Dopo un'ora di entusiamo generale Amy ha pensato bene di concludere la sua performance cantandole sue due ultime canzoni direttamente in mezzo al pubblico ed è stato proprio in quel momento che è accaduto l'incidente:
La registrazione del filmato non fa capire che cosa abbia scatenato la sua rabbia contro uno spettatore che non si vede, perche coperto dalla folla, ma si vede chiaramente Amy che tenta a più riprese di colpire un fan. Il suo portavoce ha spiegando l'accaduto chiarendo che «Qualcuno ha tentato di afferrarle i capelli e lei ha reagito». E domenica mattina è rientrata nella clinica dove era ricoverata per l'enfisema polmonare.

Ma che la cantante soul-jazz abbia un serio bisogno di aiuto da parte di professionisti e soprattutto che debba interrompere, almeno momentaneamente, con gli impegni discografici, risulta ancora più evidente leggendo l'ultima intervista rilasciata a Rolling Stone. la dfepressione è iniziata, stando a quello che dice lei, con l'arresto del marito Blake Fielder Civil: «Ad essere sinceri - ha confessato Amy - mio marito non c'è e io sono troppo giovane e troppo annoiata. Mi sento come se non avessi nulla per cui vivere». Quanto alla riabilitazione «è come se non l'avessi mai fatto, o meglio: non ha funzionato. Sono giovane e innamorata... e a volte vado fuori di testa». Sarà solo follia e dolore d'amore?

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©