Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

L'AMERICA DI DE TORA


L'AMERICA DI DE TORA
09/01/2008, 09:01

Mercoledì 16 gennaio 2008, alle ore 18.00, presso l’Associazione culturale “Movimento Aperto”, si inaugura la personale del maestro Gianni De Tora, recentemente scomparso.
In esposizione le ultime opere dell’artista campano dedicate all’America ed in particolare a New York, città contraddittoria che De Tora aveva visitato dopo il crollo delle Twin Towers ed a cui era legato da un controverso rapporto di fascino e critica. La mostra infatti sarà corredata da un video inedito del suo viaggio nella city, nonché da alcune poesie scritte dall’artista contro la guerra.
“America” è infatti il titolo di questa mostra il cui testo introduttivo è firmato da Dario Giugliano: 
“Come è noto, America è il titolo di un romanzo incompiuto di Franz Kafka, a cui ho immediatamente pensato nel guardare le opere di Gianni De Tora presenti in mostra. Ci avrò pensato, forse, per diversi motivi, che finiscono per riguardare delle analogie tra questa mostra e quel romanzo, analogie che ora trascurerò per concentrarmi su una ragione di fondo che lega queste opere al romanzo kafkiano e a ogni opera d’arte in generale. Nelle intenzioni di De Tora, queste opere dovevano rappresentare una sorta di omaggio all’America, così come comunemente viene chiamato quella parte del continente americano che, più correttamente, va sotto il nome di Stati Uniti e costituire, così, il nucleo di una mostra che avrebbe dovuto essere esposta a New York. Nei fatti, queste opere, contengono richiami a quell’immaginario di riferimento pop tipicamente americano…”. 
La mostra resterà aperta fino al 16 febbraio 2008 e sarà possibile visitarla il mercoledì, giovedì e venerdì dalle ore 17.00 alle 19.00 e su appuntamento.  
Il 25 gennaio 2008, alle ore 16.30, presso la Saletta della Loggia del Maschio Angioino, si terrà una conferenza dedicata all’artista scomparso coordinata dalla giornalista Donatella Gallone con interventi di Nicola Oddati, Mariantonietta Picone Petrusa, Vitaliano Corbi  e Dario Giugliano.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©