Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Lang Lang in scena al teatro San Carlo


Lang Lang in scena al teatro San Carlo
08/05/2010, 14:05

NAPOLI -Definito dal New York Times “l’artista più richiesto sulla scena internazionale della musica classica”, il ventisettenne Lang Lang -domenica 9 maggio (ore 18)- eseguirà, sul palcoscenico del Teatro di San Carlo, un recital che corre lungo musiche di Beethoven, Albéniz e Prokof’ev.
L' ex enfantes prodige - virtuoso del pianoforte definito dal Chicago Tribune “il più grande e più esaltante talento pianistico” - si esibisce in recital e concerti che segnano sempre il ‘tutto esaurito’ ed è stato il primo pianista cinese ad essere invitato dalla Filarmonica di Vienna, dalla Filarmonica di Berlino e delle più importanti orchestre americane.
Nel 2008, più di cinque miliardi di persone hanno assistito alla sua esibizione durante la cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Pechino, dove è stato visto come simbolo dei giovani e del futuro della Cina. La sua figura ha ispirato più di quaranta milioni di bambini cinesi allo studio del pianoforte classico: un fenomeno che è stato definito da The Today Show: "the Lang Lang effect".
Al Teatro di San Carlo sono in programma due sonate di Ludwig van Beethoven, la n.3 in do maggiore op. 2 e la Sonata per pianoforte n. 23 in fa minore, op. 57, detta "Appassionata", Beethoven la riteneva la sua più bella sonata.
Seguirà Iberia opera di Isaac Albéniz, capolavoro dell'impressionismo musicale pianistico, soprattutto per le evocazioni musicali della terra spagnola. Una composizione particolarmente amata da Claude Debussy e Olivier Messiaen, che disse: “Iberia è la meraviglia per pianoforte; si trova ai posti più elevati fra i più brillanti pezzi scritti per il principe degli strumenti”. Chiude il concerto la suggestiva Sonata per pianoforte n. 7 op. 83 di Prokofiev, scritta nel 1950.

Biglietti da 30 a 130 euro

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©