Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

L'Atelier Elena Colonna da tre generazioni vanto della sartoria napoletana


L'Atelier Elena Colonna da tre generazioni vanto della sartoria napoletana
11/04/2011, 11:04

Domenica 17 aprile alle ore 18.00 si terrà presso il Teatro Diana di Napoli l’ultima replica de “Il padre della sposa”. La commedia, ispirata all’omonimo film del 1950 di Vincente Minnelli, narra la vicenda di un padre molto affezionato alla figlia che non sopporta l’idea di perderla per il fatidico matrimonio. Il lavoro teatrale, la cui regia è affidata a Marco Parodi, vede in scena Gino Rivieccio e Corinne Clery. Le musiche sono di Peppino Di Capri. Capricci, gelosie e "nonsense" si intrecciano con ritmi frenetici. La commedia è imperniata sul fatto che per un padre è difficile accettare che la propria bambina sia diventata una donna anche se si è felici, ma allo stesso tempo si ha paura di perdere quel ruolo da protagonista nel cuore della propria figliuola. L’Atelier Elena Colonna di Via dei Mille a Napoli ha realizzato l’abito da sposa creato per l’occasione per la spumeggiante attrice Selene Gandini e l’abito per la mamma della sposa interpretato dalla stupenda Corinne Clery.

Il lavoro dell’Atelier è iniziato a settembre; le prove sono state impegnative. Elena Colonna per la signora Clery ha puntato sul rosso Valentino per esaltare il suo meraviglioso viso. Per Selene Gandini la scelta è caduta su di un abito esclusivo, romantico e tradizionale di pizzo valencien, che fa parte di una collezione di pizzi unici francesi. Racconta Maria Luisa Colonna: << quando abbiamo fatto la prova del velo, Selene si è particolarmente emozionata… la medesima emozione di tante spose che nel nostro Atelier vengono per scegliere il loro abito per il grande passo>>.

Con l’avvicinarsi di maggio, il tradizionale mese dedicato ai matrimoni, molte sono le ragazze che cercano l’abito sempre sognato. L’antica tradizione sartoriale napoletana vede nell’atelier di Elena Colonna la terza generazione nel campo sartoriale, alta moda e sposa. << Fu nel 1930, quando una zia che ha fatto da madre a mia madre aprì il suo primo punto vendita - dice Maria Luisa Colonna -, che nel giro di poco tempo i negozi divennero quattro. In quello principale nel corso degli anni mia madre cominciò ad emergere anche nel campo del cinema e del teatro>>. Il primo negozio sartoriale, risale al 1961 a Piazza dei Martiri con una equipe di circa 30 persone. << In questa sede - continua Maria Luisa - mia madre è rimasta circa 20 anni, poi, quando il suo nome era ormai conosciuto, decise di spostarsi in via dei Mille 40 sempre a Napoli (www.elenacolonna.com). Ancora le lavoranti interne confezionano gli abiti che sono rifiniti rigorosamente da mani esperte, con sete italiane e tessuti di alta moda italiani e francesi nonché impreziositi a volte da ricami fatti a mano>>. Quindi pur cambiando le mode e le tendenze, l’Atelier Colonna, vanto dell’alta sartoria napoletana, lavora con metodi artigianali e lavorazioni di una volta, realizzando solo abiti unici e personalizzati. L’Atelier esprime al massimo grande abilità artistica sartoriale consigliando l’abito giusto ad ogni giovane sposa che per sentirsi perfettamente a proprio agio si affida all’estro di Elena Colonna. <<Con me siamo alla terza generazione - dice Maria Luisa Colonna - e speriamo di continuare a realizzare gli abiti per le future spose dato che già da tempo serviamo le figlie delle spose i cui abiti furono ideati da mia madre>>.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©