Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

L’attore Gaetano Amato a Palazzo Lanza in veste di scrittore


L’attore Gaetano Amato a Palazzo Lanza in veste di scrittore
12/01/2012, 13:01

Venerdì 13 gennaio ore 20.30 a Palazzo Lanza a Capua, Mariamichela Formisano
incontra Gaetano Amato autore di Gioco segreto (Testepiene)

IL LIBRO
Dopo le avventure di Gennaro Di Palma ne “Il Testimone” (premio Selezione Bancarella 2009) e la parentesi surreale de “Il Paradiso può attendere. A volte”, Gaetano Amato si reinventa ancora in “Gioco Segreto” attingendo, non senza subire condizionamenti dal recente passato di attore/autore di fiction poliziesche (La Squadra, Crimini, RIS), al suo talento di scrittore. Questa volta l’autore strizza l’occhio ai grandi giallisti contemporanei, proponendo un thriller avvincente che tiene il lettore in tensione dall'inizio alla alla fine. Toni profondi e noir che tingono in maniera inedita la città del sole, Napoli. Gaetano Amato non tradisce la sua ormai consolidata abilità nel narrare storie e personaggi, facendoli entrare prepotentemente nel cuore del lettore, rendendogli impossibile “abbandonare” il libro sul comodino.

L'AUTORE
Gaetano Amato è noto al grande pubblico soprattutto per le innumerevoli partecipazioni da protagonista a serie televisive di grande successo (La squadra, Il Grande Torino, L'uomo sbagliato, L'ultimo padrino, Crimini, Il coraggio di Angela). Amato lavora indifferentemente tra cinema, televisione e teatro. È assegnatario di numerosi premi (il premio Charlot per il cabaret, la Grolla d'oro per Il Grande Torino, premio qualità televisiva per La squadra, Mirto d'oro per attore dell'anno). La capacità di Amato di riuscire a passare dal comico al drammatico, dalla commedia al canto, è assolutamente notevole, e questa sua versatilità lo colloca sicuramente nelle alte vette qualitative del panorama artistico italiano. È anche autore di romanzi tra i quali Il testimone del 2009 (finalista al Premio Bancarella). Scrive inoltre per il cabaret, per il teatro e per il cinema.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©