Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

L’autunno diventa magico nei castelli di Strassoldo


L’autunno diventa magico nei castelli di Strassoldo
15/10/2010, 13:10


UDINE - Grande attesa per la manifestazione “In Autunno: Frutti, Acque e Castelli” in programma il 23 e 24 ottobre 2010 nei castelli di Strassoldo di Sopra e di Sotto (Comune di Cervignano del Friuli, Provincia di Udine), evento davvero suggestivo che con il gemello primaverile incanta da tredici anni migliaia di appassionati di storia, creatività ed ambiente naturale sia italiani che stranieri. Quest’anno l’imperdibile iniziativa che prevede l’apertura degli interni, della cancelleria, del foledôr, della pileria del riso, della vicinìa e dei parchi di queste perle di storia della Zona delle Risorgive della Pianura Friulana sarà ancora più ricca ed accattivante e gli eccellenti artigiani, antiquari, decoratori ed artisti scelti meticolosamente tra migliaia di richiedenti presenteranno il meglio delle loro nuove collezioni, tra addobbi sfarzosi ed un sottofondo di musica antica. Il momento è ideale per pensare per tempo ad acquisti natalizi originali, di qualità e difficilmente reperibili senza per questo essere troppo esosi.
Visitati gli affascinati interni sarà poi possibile fare una passeggiata rilassante nel parco sorseggiando una tazza di mela brulé e successivamente, tenendo conto che l’autunno è il momento giusto per mettere a dimora le piante, scendere nell’ampio pratone del “brolo” dove un gruppo ancora più nutrito di rinomati vivaisti italiani presenterà ogni sorta di piante rare, insolite, perenni, erbacee, succulente, tropicali, rose antiche, inglesi e nostalgiche, agrumi di Sicilia ed antiche specie da frutto. Non mancherà nemmeno una vasta scelta di romantici mobili da giardino. L’atmosfera dei castelli d’acqua, così chiamati perché localizzati sulla linea delle risorgive, tra il Tagliamento e l’Isonzo, dà luogo ad una magia quasi surreale: un invito a vivere “un magico intreccio tra storia, fantasia, creatività ed ambiente naturale”, assaporando la splendida natura del luogo, dove pare ancora di sentire un tintinnio di spade e gli echi delle vicende storiche che qui si sono susseguite a partire dall’epoca romana.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©