Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Il lago Xochilmico ospita le salamandre sempre giovani

L'axolotl è il Peter Pan nel mondo animale


L'axolotl è il Peter Pan nel mondo animale
07/05/2011, 12:05

Peter Pan, il bambino che si rifiuta di crescere, nasce dalla fantasia dello scozzese James Barrie, e curiosamente ha un suo corrispondente nel mondo animale: l’axolotl, un anfibio che vive nelle acque del lago Xochilmico, nei pressi di Mexico City. L’anfibio, il cui impronunciabile nome deriva da una parola di origine azteca e significa mostro acquatico, ha l’aspetto di una salamandra allo stadio larvale, è munito di coda piccola e di branchie piumose. L’axolotl appartiene alla famiglia dei tritoni e delle salamandre e conserva la caratteristiche che in termini scientifici si definisce neotenìa, ossia ha l’aspetto giovanile anche nell’età adulta, quando ha già raggiunto la maturità sessuale ed è in grado di riprodursi.

Perché l’axolotl adotta il comportamento di Peter Pan e solo in alcuni casi decide di crescere? Secondo varie spiegazioni scientifiche la neotenìa sembra dipendere dalla carenza di un ormone tiroideo, la tiroxina, che può essere stimolato aggiungendo iodio all’acqua di mare. Lo stesso effetto si può raggiungere anche inducendo forti traumi negli animali, quali lo spostamento dal lago in cui vivono in vasche artificiali. Si è osservato, infatti, che molti di essi, dopo tale evento, tendono ad assumere la forma adulta. Tuttavia, nel loro ambiente lacustre naturale, gli axolotl allo stato larvale superano quelli di forma adulta. Tutto ciò potrebbe dipendere da qualche sostanza ancora sconosciuta presente nelle acque del lago Xochilmico che è circondato da zone aride e brulle, poco adatte all’ospitalità di una salamandra adulta, per cui la strategia di restare allo stato larvale anche per tutta la vita, nelle sicure acque del lago, senza per questo dover rinunciare allo scopo fondamentale del mondo animale, ossia la riproduzione, potrebbe essere soltanto una risposta evolutiva e di adattamento alle condizioni ambientali. E’ l’ennesima dimostrazione della legge della selezione naturale di Charles Darwin.

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©