Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Le Giornate Gastronomiche Sorrentine si aprono al mediterraneo


Le Giornate Gastronomiche Sorrentine si aprono al mediterraneo
07/12/2009, 15:12


SORRENTO -  Si sono aperti ai Paesi del Mediterraneo, con il loro messaggio di pace, le Giornata Gastronomiche Sorrentine. Grazie ai due stilisti, il palestinese Jamal Taslaq e l'isrealiana, Galit Levi, che hanno dato vita, nelle sale del Grand Hotel Excelsior VIttoria, per la prima volta al mondo, a questo connubio, con un messaggio: "Stop alla guerra". Per loro sono arrivate le telecamere di Al Jazeera, e non solo. Nei prossimi giorni i servizi andranno in onda nelle Tv palestinesi e israeliane. "Augurandoci" ha dichiarato Stefano Massa promotore dell'evento"che questo messaggio, quasi una lettera lanciata in mare con una bottiglia, possa scuotere qualche animo".
Galit Levi vive tra Telaviv, New York e Los Angeles, e i suoi vestiti colorati, leggeri come nuvole, molto occidentali, e molto glamour, indossati anche da Miss Mondo, rispecchiano tutte queste realtà. Altra storia per Jamal Taslaq,dove la sensualità fa capolino dai suoi abiti, modernissimi ma mediorientali nell'essenza. Che raccontano una storia millenaria, anche se il suo stile veste una donna d'oggi, moderna e consapevole dei suoi molteplici ruoli.
Moda, alta gioielleria affianco al ben mangiare. Questi Stati Generali della gastronomia hanno permesso agli chef intervenuti di confrontarsi e scambiare esperienze. "Ma anche trovare", come ha dichiarato Giuseppe Tinari, abruzzese, del ristorante Villa Maiella, "una fratellanza con gli altri chef e un condividere passioni e lavoro, come mai avevo trovato prima". Un' esperienza che riesce sempre a stimolare le nuove promesse. Infatti il “Premio Villa Massa, a Teatro con i Protagonisti” ha raccolto tanto pubblico, dagli addetti ai lavori ai gourmand, affascinati dal richiamo dei grandi interpreti.
Mauro Mazza, neo-direttore di Raiuno: “Troppi programmi di enogastronomia: è importante riconoscere le vere eccellenze”.
Il meglio della alta gastronomia riunito e premiato a Sorrento in occasione delle “Giornate Gastronomiche Sorrentine” che quest'anno accendono i riflettori su un messaggio di pace e sull'incontro – in passerella – per la prima volta nel mondo, tra Israele e Palestina.
"In televisione ci sono troppi programmi di enogastronomia e spesso si fa fatica a rendersi conto delle vere eccellenze; un utente non molto esperto rischia di confondere un grande chef con un cuoco della domenica”. Queste le parole del direttore di Raiuno Mauro Mazza tra gli ospiti del “Premio Villa Massa”, kermesse voluta da Stefano Massa, svoltasi nella suggestiva cornice del Teatro Tasso di Sorrento.
“In questi anni – ha aggiunto il direttore Mazza – si è diffusa la cultura della consapevolezza di cosa c'è dietro un piatto, la sua storia. Io da cuoco della domenica so cosa si prova nel servire un piatto ben presentato; un piatto mette in moto tutti i sensi. Onorare quel momento è cultura dello stare insieme”.
Mazza è intervenuto tra gli ospiti di un talk show moderato dal giornalista del Tg2 Bruno Gambacorta, con lo chef austro-portoghese Dieter Koschina (due stelle Michelin del ristorante/albergo “Vila Joya” di Albufeira-Portogallo) e con lo chef Gennaro Esposito, due stelle Michelin del ristorante “Torre del Saracino” (Seiano-Vico Equense).
Tra i premiati anche Marisa Laurito in collegamento telefonico, attualmente impegnata al Teatro Sistina di Roma con la commedia musicale di Garinei-Giovannini “Aggiungi un posto al tavola” nel ruolo (“Consolazione”) che fu della grande Bice Valori.
Un incontro che ha offerto molti punti interessanti di riflessione e dibattito e a cui ha fatto seguito in serata, al Grand Hotel Excelsior Vittoria un evento nell'evento.
Per la prima volta in passerella Israele e Palestina – ripresi anche dalle telecamere di Al Jazeera - si sono dati simbolicamente la mano. I due popoli, da sempre in conflitto tra loro, per una sera si sono incontrati su uno stesso palco, uniti dall'alta moda, in occasione delle “Giornate Gastronomiche Sorrentine”.
Gli abiti dello stilista palestinese Jamal Taslaq e quelli dell'israeliana Galit Levi, hanno sfilato insieme grazie alla collaborazione di Massimiliano Costabile. Un incontro storico, simbolo del leit motiv della kermesse sorrentina che ha puntato i riflettori sul tema del confronto e della conoscenza.
“Speriamo di dare un importante messaggio di pace – ha dichiarato lo stilista palestinese Jamal Taslaq - ci vuole poco per amare e vivere insieme. L'Italia mi ha accolto giovanissimo e mi ha messo in condizione di realizzare il mio sogno. Questa terra è un grande Paese e sono contento che il nostro messaggio di pace parta proprio da qui e dalla splendida Sorrento”.
Un gran finale glamour di una giornata iniziata in mattinata al teatro Tasso con l'assegnazione degli ambiti riconoscimenti “Premio Villa Massa”, opere originali dello scultore puteolano Lello Lopez.

Ed ecco i vincitori 2009 del “Premio Villa Massa”
:
Dieter Koschina, due stelle Michelin, del ristorante/albergo “Vila Joya” di Albufeira, Portogallo come illustre chef straniero “Per aver saputo coniugare egregiamente la tradizione gastronomica nord europea ai sapori mediterranei. Per aver innestato, fruttuosamente, le sue conoscenze, la sua creatività e la sua competenza al patrimonio dei prodotti dell’Algarve, di cui è un appassionato promotore.”

Gennaro Esposito, due stelle Michelin, del ristorante Torre del Saracino, Seiano-Vico Equense, Napoli, Italia rappresentante di spicco del made in Italy e “Interprete entusiasta dell’eccellenza gastronomica regionale e nazionale. Per essere, con la sua indiscussa professionalità e la sua personalità, ambasciatore delle migliori tradizioni italiane nel mondo.”

Inoltre Gennaro Esposito ha ricevuto dal dott. Pontecorvo, Presidente ed A.D.di Ferrarelle Il premio Platinum che “riconosce a Gennaro Esposito, l’impegno nel diffondere le tradizioni e le innovazioni del gusto e dei sapori della cucina partenopea in Italia e nel mondo. E l’eccellenza della cucina dello chef di Vico Equense è espressione di una terra, la Campania, dalla quale sgorga l’acqua Ferrarelle.”

Marisa Laurito, attrice, conduttrice di programmi di gastronomia su Alice “Non ha mai mancato di esternare la sua passione per la buona cucina e per la convivialità della tavola. Per essere una testimonial spumeggiante, competente e convincente delle tradizioni culinarie partenopee, italiane e mediterranee”.

Mauro Mazza, direttore di Rai Uno, vince il Premio Villa Massa 2009 alla carriera: “Per aver messo la sua professionalità al servizio dell’informazione e per aver promosso, nel corso della sua lunga carriera, approfondimenti di temi artistici, culturali e gastronomici.”
Cosa hanno in comune questi personaggi? Grandi personalità unite a grande professionalità. La curiosità di scoprire, inventare, sperimentare, a volte senza prendersi troppo sul serio, pur mantenendo tenace l’attaccamento alla propria terra o a quella di adozione. Sfida costante su nuovi progetti.
In serata poi nell'elegante ristorante Vittoria del Grand Hotel Excelsior Vittoria si è assistito all'incontro tra “Campania & Abruzzo si incontrano a tavola” che ha visto le eccellenze delle due regioni ai fornelli. Arbitro della serata Veronica Maya, la nota conduttrice Rai, che ha presentato brillantemente la sfida tra le due squadre composte da, per la Campania: Lino Scarallo. ristorante Palazzo Petrucci di Napoli; Mimmo Di Raffaele, ristorante Caruso dell'Hotel Caruso di Ravello (Sa); Teresa di Napoli, ristorante Il Papavero di Eboli (Sa). Maestro Pasticcere, Salvatore De Riso, pasticceria Sal De Riso di Minori (Sa). Per l'Abruzzo: Peppino Tinari, ristorante Villa Maiella. Guardiagrele (CH); Marcello Spadone, ristorante La Bandiera, Civitellla Casanova (PE); Antonio Strammiello, ristorante Les Paillotes, Pescara: Maestro Pasticcere, Fabrizio Camplone, pasticceria Caprice, Pescara. Hanno accompagnato i piatti con i loro nettari di altissima qualità per l'Abruzzo: Cantina Valle Reale, Azienda agricola Cataldi Madonna, Cantina Villa Medoro e Cantina Zaccagnini. Per la Campania: Cantine Grotta del Sole, l'Azienda agricola Vadiaperti, Cantine Antonio Caggiano.
L'organizzazione è stata affidata allo staff di Carmen Davolo della Dieffe Comunicazione, il direttore artistico è Giuseppe Aversa, patron del ristorante Il Buco, quello tecnico, Vincenzo Galano grande chef del ristorante Vittoria del Grand Hotel Excelsior Vittoria. L'evento gode del patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, della Regione Campania, Assessorato all'Agricoltura, del Comune di Sorrento, oltre che del contributo del gruppo “Ferrarelle”, Banco di Napoli, e della collaborazione dell'Ascom Sorrento.




Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©