Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Dalla Luna della morte alla Luna che non c'è

Le lune di Pompei: un percorso di luci e ombre


Le lune di Pompei: un percorso di luci e ombre
20/07/2010, 10:07

Le lune di Pompei è una iniziativa inserita nel circuito Campania>Artecard 365, in collaborazione con la Regione Campania, cofinanziata dall’Unione Europea POR FESR Campania 2007-2013, La tua Campania cresce in Europa, Soprintendenza Archeologica Napoli e Pompei, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Pompeiviva, InCampania.com e l’Ente Provinciale per il Turismo – Napoli.
Da luglio fino ad ottobre, in tutti i week-end, un’ora dopo il tramonto, si apriranno i cancelli degli Scavi di Pompei e, varcando la Porta dell’Anfiteatro, si potrà entrare in un percorso della durata di 70 minuti, alla scoperta degli Scavi Archeologici, realizzato con luci, suoni e voci fuori campo. Il visitatore è condotto nella suggestione di un viaggio in cui la luce prende corpo come le parole, i graffiti, le persone, prima ombre fuggevoli sui muri, poi sagome che vissero i luoghi, persone immemori del loro futuro, colte nel limbo della pre-eruzione, che semplicemente ci condurranno nelle loro vicende giornaliere.
Il percorso si snoda dalla Necropoli di Porta Nocera dove dall’alto si scorge la Luna della Morte che dà il benvenuto ai visitatori. Si prosegue lungo la strada che attraversa la necropoli per giungere sulle mura antiche della città, dove avranno luogo proiezioni di immagini virtuali, e successivamente all’Orto dei fuggiaschi in cui giacciono i calci di alcuni inermi testimoni della tragedia che colpì la città.
Ci si incammina verso via dell’Abbondanza, visitando lungo il tragitto la casa del Profumiere, su via Nocera, e poi, accompagnati da rumori di fondo e voci diverse che restituiscono l’antica vitalità di una delle strade più animate di Pompei, si passa alla scoperta di alcune delle domus più suggestive, la casa di Ottavio Quartione e quella della Venere in Conchiglia.
Si prosegue, infine, verso l’Anfiteatro, dove grandi proiezioni si alternano tra loro, a ricordarci che il modo di divertirsi in quei luoghi nel passato non era molto diverso da quello che viviamo noi oggi, in un parallelo forte e suggestivo, che riporta l’emozione di ogni visitatore a quella che lì, 2000 anni prima, qualcun altro aveva provato.
Guida d’eccezione lungo tutto il percorso è la straordinaria voce dell’attore Luca Ward, che sembra condurre il pubblico, attraverso la luce di ben sette lune (la Luna della Morte, la Luna Virtuale, la Luna della Speranza, la Luna del Successo, la Luna della Vita, la Luna del Mistero, la Luna che non c’è, la Luna che si diverte), in una realtà parallela, il cui solo scopo è quello di vivere e far rivivere Pompei.
E’ obbligatoria ed è gratuita la prenotazione che si può effettuare telefonando al seguente numero telefonico: 081 19 30 38 85, dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 20.00, oppure visitando il sito web www.lelunedipompei.it

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©