Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Le memorie politiche del militante Stefano Delle Chiaie


Le memorie politiche del militante Stefano Delle Chiaie
04/04/2013, 09:07

Stefano delle Chiaie a Benevento, sabato 6 Aprile, alle ore 18:00, presso la sala Vergineo del Museo del Sannio presenta il libro l’Aquila ed il Condor, memorie di un militante politico, edito da Sperling e Kupfer.

L’Associazione culturale “Generoso Simeone” ha organizzato l’evento con il nobile obiettivo di fare finalmente chiarezza su alcune pagine tristi e scottanti della storia degli anni ’70 e ’80.
Il dialogo con Stefano delle Chiaie sarà condotto da Davide Scarinzi, giornalista esperto della cultura e degli eventi degli anni ’70 e Giuseppe Parente, una giovane promessa del giornalismo campano, collaboratore del blog di Tassinari “Fascinazione” nonché di riviste a diffusione nazionale.
Generazioni a confronto, afferma Marina Simeone, responsabile dell’Associazione Culturale Generoso Simeone con un unico scopo: “fare chiarezza”, senza disperdere energie nella rievocazione nostalgica di un passato duro a morire, tantomeno cedendo all’oppressione del tormento di autodifendersi dinanzi al tribunale del tempo e della storia, che ha comunque già sentenziato vincitori e vinti e talvolta ha anche disegnato i volti del “boia” di turno non sempre rispondenti alla verità.
Come nel caso di Stefano Delle Chiaie, che nella sua vita di militante politico ha subito più volte il carcere, l’esilio, gli occhi puntati su di sé e sulla propria gente, accusato di essere un feroce stragista riuscendo ad ottenere l’assoluzione, dopo un calvario di 16 processi.
Le vittime dello stragismo, conclude Marina Simeone, sono di vario tipo e di varia natura ed il considerarle nella loro completezza è d’obbligo non per fare revisionismo storico ma per scrivere la Storia, che è tale se scritta. come affermano i latini, sine ira et od

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©