Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Ritraggono una persona differente da quella descritta

Le ultime foto di Michael Jackson: un falso?


Le ultime foto di Michael Jackson: un falso?
01/07/2009, 09:07

Ieri sono state rese pubbliche un paio di foto, asseritamente scattate durante le prove che Michael Jackson stava facendo per la serie di 50 concerti a Londra, all'Arena O2. Ma sarà vero? Infatti il cantante raffigurato nelle foto non sembra la stessa persona descritta sul tavolo dell'obitorio. 56 (se non 51) chilogrammi di peso, per 1,78 di altezza, magro, dolorante, pieno di iniezioni... No, non corrisponde minimamente alle immagini. Dove si vede un Jackson abbastanza in forma, pallido ma non in meniera particolare. Quindi qualche sospetto è lecito.
Nel frattempo continuano le lotte legali per i soldi del testamento. Infatti ci sono dubbi sul testamento, fatto dal cantante nel 2002, che nomina beneficiari la madre, i figli ed alcune associazioni benefiche. Pare che i genitori di Jackson intendano chiedere al Tribunale l'affidamento delle risorse economiche del figlio, sostenendo che non c'è stato alcun testamento. In ogni caso, sembra che la situazione finanziaria di Jacko non fosse così tragica. E' vero che aveva debiti per oltre 300 milioni di dollari, ma la valutazione del suo catalogo, di quello dei Beatles di cui aveva una metà e della sua villa di Neverland supera abbondantemente i 500 milioni di dollari, lasciano un attivo di oltre 200 milioni.
E, a complicare le cose, giungono alcune indiscrezioni del sito TMZ.com, uno dei più aggioranti per quanto riguarda le star. E sono indiscrezioni che dicono che Michael Jackson non è il padre naturale dei suoi figli; nè Deborah Rowe la madre biologica dei primi due. Infatti sarebbero tutti e tre figli nati in vitro, con lo sperma di Arnold Klein, dermatologo del cantante. E gli ovuli sarebbero stati di una donatrice, non della Rowe. Quanto di questo sarà vero e quante notizie create solo per avere influenza sulle decisioni legali? Difficile da dire.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©