Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

‘Le vie nascoste’ di Antonio Mocciola a Palazzo Lanza


‘Le vie nascoste’ di Antonio Mocciola a Palazzo Lanza
16/01/2012, 09:01

Sarà presentato domenica 15 gennaio alle ore 21 all’ex Libris di Palazzo Lanza a Capua ‘Le vie nascoste – Tracce di Italia remota’ del giornalista Antonio Mocciola. Al suo fianco l’editore Gino Giammarino e l’attore e regista Roberto Azzurro. Modera l’incontro Gianmarco Cesario. Le vie nascoste percorse da Mocciola sono quelle dei borghi italiani di cui si è persa traccia, luoghi dimenticati, a volte cancellati. Questo libro, giunto alla seconda ristampa, li riscopre e li restituisce alla memoria collettiva con un duplice intento: sensibilizzare chi di dovere ad un recupero di questi borghi e al contempo salvaguardarne il ricordo come testimonianza di un’epoca.

Il libro

Arriva la prima guida dei paesi abbandonati d’Italia. Un viaggio insolito, tra borghi cancellati e immobili da decenni, spesso da secoli. Archeologia moderna mai esplorata, mai descritta e mai studiata abbastanza. Questo libro, edito da Giammarino editore (www.giammarinoeditore.it) , colma un vuoto e regala inedite emozioni. Antonio Mocciola, giornalista e appassionato del Belpaese, ci porta per mano attraverso luoghi sconosciuti e disabitati, dai nomi arcaici e abbandonati dall’uomo. Ventuno “Pompei del Novecento”, scrigni di tesori inesplorati, al termine di strade impervie e spesso desolate. Un’Italia diversa, persa nel buio della storia. Una storia da rileggere, da riscoprire, da amare.


Antonio Mocciola (Napoli, 1973), giornalista pubblicista, è caporedattore de “Il Brigante”. Ha scritto per la musica, per il teatro, per la radio e per la televisione. Nel 2008 ha pubblicato la raccolta di racconti “La sottrazione” (Montag editore).

La Giammarino Editore è stata fondata nel 2010 da Luigi Giammarino, da dieci anni editore ed ideatore de “Il Brigante”, una delle più autorevoli voci del meridionalismo (www.ilbrigante.it)

Roberto Azzurro è attore, regista e autore teatrale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©