Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

Leguminosa Biodiversità, identità locale e agricoltura sostenibile


Leguminosa  Biodiversità, identità locale e agricoltura sostenibile
20/11/2012, 16:17

In occasione della Settimana UNESCO 2012 dedicata all'Educazione allo Sviluppo Sostenibile, Slow Food Campania e il Comune di Napoli propongono Leguminosa, un percorso attraverso sapori dimenticati e “disimparati” per avvicinare i co-produttori (consumatori) ai legumi e a una nuova fruizione del territorio, per riscoprire il valore delle sementi e il loro apporto nutrizionale ed ecologico.

L'evento sarà presentato e inaugurato mercoledì 21 novembre 2012 alle ore 12,30 presso il Castel Nuovo (Maschio Angioino) di Napoli con la partecipazione del Vicesindaco di Napoli, Tommaso Sodano; del Presidente FIPE - Assoristoratori Napoli, Massimo Di Porzio e del Presidente Slow Food Campania e Basilicata, Gaetano Pascale.

L’Antisala dei Baroni del Castel Nuovo / Maschio Angioino di Napoli (Piazza Municipio) ospiterà il 21 e 22 novembre dalle ore 13,00 alle ore 18,30 un'esposizione di legumi provenienti dall'intero territorio regionale. Gli stessi potranno poi essere acquistati negli stessi orari presso la Cantina "La Barbera" (Napoli, Via Raffaele Morghen 36).

Giovedì 22 alle ore 19,00 alla Cantina "La Barbera" si svolgerà il Laboratorio del Gusto dal titolo "Proteine nobili" che concluderà la kermesse, un momento di approfondimento sulla storia e le origini dei legumi, gli aspetti tecnici della coltivazione, gli aspetti nutrizionali e quelli antropologici, con la partecipazione di Vito Trotta, Responsabile Presìdi Slow Food Campania e Basilicata; Italo Santangelo, SeSIRCA – Regione Campania; Vincenzo Egizio e Bruno Sodano, Referenti dei produttori per i Presìdi Fagiolo Cannellino dente di morto di Acerra e Papaccella Napoletana e la testimonianza degli agricoltori custodi dell’acerrano – mariglianese. Al termine verrà offerta ai partecipanti una degustazione del Fagiolo cannellino dente di morto di Acerra, Presidio Slow Food.

 

APPROFONDIMENTI

Oltre 15 le aziende agricole partecipanti con le seguenti varietà di legumi:

Cece di Cicerale

Cece, Lenticchie e Cicerchie (grandi e piccole) del Fortòre

Cicerchia Flegrea

Antiche varietà di Fagioli di Casalbuono

Fagiolo Butirro delle Colline Vicane

Fagiolo a Formella

Fagiolo Bianco di Montefalcone

Fagiolo di Controne

Fagiolo Cannellino dente di morto di Acerra

Fagiolo Cerato del Sannio Alifano

 

Dal 15 al 22 novembre si potranno assaggiare queste varietà di legumi e scoprirne la versatilità in cucina, presso i ristoranti di Napoli e Provincia che hanno aderito all’iniziativa:

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©