Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Leone d'Oro alla carriera per Rosi


Leone d'Oro alla carriera per Rosi
01/09/2012, 14:24

Ha vinto il Leone d’Oro alla carriera Francesco Rosi, 90 anni a novembre. In piedi sul placo, dopo aver ricevuto il premio dalle mani di Tornatore, non riesce a trattenere la commozione e dice: “Non credevo di emozionarmi, scusatemi”. Sono tutti in piedi ad applaudire il maestro. “Ho fatto la mia parte, bisogna fare i conti con la propria forza, energia e volontàManoel de Oliveira, a 103 anni, ancora ce la fa. Non vedo l’ora che muoia. È sempre stato più bravo di me e sempre più invitato al festival del sottoscritto”. Poi ringrazia: “Grazie, la mia vita è stata dedicata al cinema e oggi sono felicissimo di questo premio”.

È stata davvero una vita dedicata al cinema la sua. Film come “Salvatore Giuliano”, “Le mani sulla città”, “Uomini contro”, “La tregua”. Durante la cerimonia di premiazione è invece stato proiettato “Il caso Mattei”.

I complimenti giungono da dentro e fuori la sala. Un messaggio del Presidente Napolitano che cita: “La sua cinematografia ha segnato una parte importante della Storia del nostro Paese”. Non poteva mancare anche il messaggio dall’America di Scorsese che scrive: ” Il tuo cinema ha la forza di una tempesta, è la risposta alla corruzione istituzionalizzata, all’abuso di potere e alle false ricostruzioni della storia. Grazie” allegando alcune scene dei film di Rosi.

E pensare che 50 anni fa la mostra rifiutò “Il caso Mattei” perché considerato un documentario, ma fu premiato, in seguito, al Festival di Berlino.

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©