Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

"L'Era Legale" da domenica 4 marzo al cine-teatro Posillipo


'L'Era Legale' da domenica 4 marzo al cine-teatro Posillipo
02/03/2012, 12:03

“L’Era Legale” torna a Napoli. Il film, che è diventato un caso mediatico anche per il tema che sviluppa, ossia la legalizzazione della droga, sarà proposto tutte le domeniche di marzo, a partire dalla prossima, al “Cine-teatro Posillipo”. Si inizia il 4 marzo con le proiezioni del lungometraggio (18.30 e 20.30) alla presenza del cast e del regista Enrico Caria. Un’occasione per conoscere dal vivo il sindaco del futuro Nicolino Amore (Patrizio Rispo), di quella città perfetta che sarà Napoli nel 2020. Sarà presente, poi, l’altra protagonista del mockumentary: l’attrice Cristina Donadio, nei panni di una potente “madrina” di camorra, grazie alla quale i clan saranno ridotti sul lastrico. Prodotta dalla Rossellini Film, da Meta Research e da K2 casting, la pellicola è stata realizzata anche grazie all’intervento della Camera di Commercio di Napoli. Un particolare happening cinematografico, quindi, dove si potrà partecipare anche ad un cocktail offerto dal Teatro Posillipo, al quale parteciperanno anche altri interpreti del film, come: Oscar di Maio, Monica Masiello, Annie Pempiniello, Lello Pirone, Natalia Cretella, Rosaria D'urso, Rosalba di Girolamo, Giancarlo Valentino, Ezio Morino, Luisa Esposito e il piccolo Giordano Rispo.
Nel mockumentary si succedono tanti personaggi veri: Renzo Arbore e Isabella Rossellini, autorevoli magistrati antimafia come Pietro Grasso e Vincenzo Macrì, gli scrittori Giancarlo De Cataldo e Carlo Lucarelli, i giornalisti Bill Emmott e Marcelle Padovani, il presidente di Lega Ambiente Francesco Ferrante e Tano Grasso di Libera.
Il film “L’Era Legale”, attraverso l’omonima associazione ha preso parte anche ad una campagna per la legalità, realizzata in collaborazione con il Comune di Napoli: il personaggio principale, infatti, Nicolino Amore (Patrizio Rispo) è stato testimonial di una propaganda anti-pizzo attraverso dei manifesti affissi in tutta la città.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©