Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Il 5,6,7 Luglio

L'Heineken Jammin' Festival 2012 si sposta a Milano

RHCP, Evanescence,Prodigy,Gorillaz,Cure

L'Heineken Jammin' Festival 2012 si sposta a Milano
29/02/2012, 17:02

MILANO - Da Imola a Milano, passando per Venezia, l'Heineken Jammin' Festival si presenta per l'edizione 2012.
Gli organizzatori della rassegna musicale, nata nel 1998 ad Imola svolta fino allo scorso anno al Parco San Giuliano di Venezia, in mattinata hanno svelato i nomi delle band che si esibiranno il prossimo 5, 6 e 7 luglio.
I protagonisti del 5 luglio saranno i Red Hot Chili Peppers, in tour con il nuovo album "Ìm with you", l'ex Oasis Noel Gallagher con la sua nuova band, gli High Flying Birds, Pitbull ed Enter Shikari.
Il giorno successivo toccherà ai più elettronici Prodigy, Chase And Status, Evanescence, Lost Prophets, Seether e Gorillaz. Per l'ultima giornata sono stati invece convocati, per ora, i Cure e i New Order.
Si è stimato che l'area della fiera, all'interno della quale gli organizzatori stanno anche valutando la possibilità di creare un'area campeggio, sarà in grado di accogliere fino a 50mila persone al giorno. Del trasferimento del festival in Lombardia se ne parlava già da diversi anni, come ha confermato il patron di Live Nation, Massimo De Luca: "La prima proposta che ho ricevuto di prendere in considerazione l'area milanese risale a cinque anni fa. Con il Comune di Venezia non abbiamo nessun tipo di controversia ma negli ultimi anni siamo stati sfortunati con il meteo e il pubblico italiano è più difficile da accontentare di quello degli altri festival europei".
L'HJF di quest'anno si svolgerà sull'area esterna della Fiera di Rho. Gli organizzatori assicurano che ci sarà un'arena concerti diversa da quella che ha accolto il pubblico nel corso degli altri festival fino ad oggi organizzati sullo stesso parcheggio asfaltato, criticato in passato per l'alta temperatura alla quale ha costretto il pubblico durante le giornate d'estate. "Sono felice che sia stata scelta Milano - ha commentato il sindaco, Giuliano Pisapia - perchè è il riconoscimento di come la città sia un punto di attrazione di grandi eventi. Milano è una città dove si può fare musica anche fino a tardi e senza disturbare i cittadini".
In questi ultimi anni per i concerti rock a San Siro si sono sempre sollevate le proteste degli abitanti ed è per questo che il sindaco ha aggiunto: "L'Expo del 2015 - ha aggiunto Pisapia - lascerà in eredità alla città un parco agroalimentare vicino all'area della Fiera, all'interno del quale spero possa nascere anche uno stadio dedicato alla musica"

Commenta Stampa
di Anna Carla Broegg
Riproduzione riservata ©