Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

LIBRI: FRANCO FESTA E "L'ULTIMO SGUARDO", NOIR AVELLINESE


LIBRI: FRANCO FESTA E 'L'ULTIMO SGUARDO', NOIR AVELLINESE
03/12/2008, 10:12

Presentato ieri presso la libreria Treves, nello splendido scenario dei portici di San Francesco di Paola a Piazza del Plebiscito, “l’ultimo sguardo” di Franco Festa,  il terzo volume di una serie di storie noir dedicate alla città natale dell’autore, Avellino, seguita nel suo sviluppo dal dopoguerra agli anni ’60.
Presenti gli  scrittori Antonella Del Giudice e Maurizio De Giovanni.
C’è il commissario Melillo, che ha quasi cinquanta anni e affannosamente  cerca di scoprire la malattia sociale che logora la piccola città di provincia; c’è una sconosciuta che anima la storia e   c’è una città, Avellino, che sta cambiando;  c’è un tenente dei carabinieri, ci sono Carla e Antonio, che s’incontrano solo per un’ora al giorno, alle tre, e insieme leggono poesie e c’è Giulia, un’amica di Carla, che non sorride mai.
E’ il terzo libro di Franco Festa, ex professore di matematica, poi preside e oggi scrittore.
Il primo, “Delitto al corso”, ha vinto il premio nazionale Delitto d’autore a Lucca; nel secondo, “La quinta notte”, l’autore si cimenta nella ricerca del male in una città che sembra tranquilla, addirittura spenta. Ma non è così. Ci sono regole di ipocrisia che non si possono violare e passioni che non si possono esprimere e così arriva “l’ultimo sguardo”, ambientato negli anni del boom, quando tutto sembrava essere uguale a prima e invece tutto era profondamente cambiato.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©