Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentanto il nuovo libro di Gaetano Quagliariello

Libri: Quagliariello, importante rileggere patrimonio Chiesa


.

Libri: Quagliariello, importante rileggere patrimonio Chiesa
22/05/2010, 09:05


NAPOLI - "La persona, il popolo e la libertà" è il titolo del nuovo libro di Gaetano Quagliariello, vice-presidente vicario del gruppo Pdl al Senato. Edito da Cantagalli e presentato nel pomeriggio di ieri presso l'Istituto culura meridionale, il testo analizza l’idea di laicità, del rapporto tra cultura e integrazione, della questione antropologica, dell’educazione, della famiglia, del rapporto della persona con i processi economici e con la giustizia. "La persona, il popolo e la libertà - per una nuova generazione di poliotici cristiani" delinea in questo gli antidoti culturali affinché nella società, e fra i più giovani, non si affermi un’altra religione civile basata sulla ideologia dell’autodeterminazione, sul relativismo, sul nichilismo. E interpreta il senso dell’appello per una nuova generazione di cattolici in politica che dalla Chiesa proviene sempre più pressante. vice-presidente vicario del gruppo Pdl al Senato non vuole proporre un nuovo partito di politici, ma individuare un ambito in cui credenti, non credenti e appartenenti ad altre religioni possano confrontarsi per scoprire le ragioni di una cultura che abbia a cuore l'essere umano. Il libro, però, non vuole essere un manifesto politico, ma un insieme di idee che vogliono riportare la tradizione cristiana al centro del dibattito politico. L'occasione, inoltre, è stata ghiotta per parlare dei problemi del Mezzogiorno e in particolare della Campania. In un momento in cui c'è stato un passaggio del testimone alla guida della Regione Campania si sente il bisogno di cambiamento. "Bisogna dire la verità - ha sottolineato Quagliariello - la Campania vive un momento non semplice, ma bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare". La giunta Caldoro "è ai nastri di partenza, ma abbiamo un'eredità che è disastrosa. Il fenomeno va governato per la Campania e per il sud, perche' se si riesce a governare la Campania forse c'è una speranza anche per tutto quanto il mezzogiorno". Dobbiamo essere in grado di far crescere la classe dirigente meridionale, dei leghisti del Sud nel Pdl. Questa è la sfida. Il nostro meridiolanismo si deve confrontare con il tema dell’apertura alle esigenze del Paese e del mondo" aggiunge il senatore. Insieme Senatore Quagliariello, erano presenti tra gli altri, Erminia Mazzoni, presidente commissione petizioni parlamento europeo, e il vice presidente dell'Istituto cultura Meridionale che ha ospitato la presentaizone del libro, Gennaro Famiglietti. La Mazzoni ha sottolineato come il tema del Mezzogiorno le sia particolarmente caro, "è una quesitone stimolante" ha evidenziato. Un pomeriggio che ha unito tanti personaggi politici e giornalisti, offrendo spunti sulla questione meridionale e la possibilità di crescita.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©