Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

"L'immenso sguardo dei giovani" il nuovo lavoro di Carlo Climati


'L'immenso sguardo dei giovani' il nuovo lavoro di Carlo Climati
24/11/2011, 09:11

Immenso sguardo. E’ lo sguardo che i giovani rivolgono al mondo che li circonda. Uno sguardo d’amore, d’impegno, di fiducia, d’entusiasmo, di giustizia, di speranza nel domani. Uno sguardo che non conosce confini e che sa volare oltre l’infinito.
E' questo il tema del nuovo libro di Carlo Climati: “Immenso sguardo. I mondi dei giovani”, pubblicato in questi giorni dall'Editrice Rogate di Roma.
E’ un volume che analizza, con un linguaggio semplice, diversi temi legati al mondo dei ragazzi: l’amore, la famiglia, lo studio, lo sport, i viaggi, la fede, il lavoro, la politica, il tempo libero, la vita virtuale su internet, la violenza, la sofferenza, l’incomunicabilità, la dittatura dell’insoddisfazione.
L’obiettivo del libro “Immenso sguardo” è quello di lanciare un forte messaggio di speranza e di fiducia nei confronti nelle nuove generazioni.
“Prima di scagliare pietre contro i giovani – scrive Carlo Climati nell'introduzione - bisognerebbe chiedersi: quali valori siamo stati in grado di trasmettere loro, in questi ultimi anni? Li abbiamo aiutati a coltivare le virtù umane, oppure abbiamo favorito una condizione di resa e di appiattimento?
La grande speranza per il futuro è proprio questa: avere il coraggio di stimolare nei ragazzi una cultura veramente diversa e controcorrente. Una cultura orientata alla pace, all’impegno, alla giustizia, al dialogo, al rispetto di ogni essere umano.
Nessuno deve sentirsi escluso da questo percorso di rinnovamento, perché i primi a dover dare l’esempio sono proprio gli adulti. Se non c’è il buon esempio, non può esserci alcun tipo di educazione”.
“Io credo nei giovani – conclude Carlo Climati - Credo nel loro immenso sguardo. Credo nel loro entusiasmo e nel loro desiderio d’accogliere la proposta del bene, della bellezza e delle virtù più autentiche, perché questo è ciò che hanno scritto nel proprio cuore”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©