Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Elio è convinto anche se i produttori smentiscono

L'isola dei famosi ospiterà la famiglia Letizia?


L'isola dei famosi ospiterà la famiglia Letizia?
21/07/2009, 11:07

Assalito dai debiti, il buon Vittorio Sgarbi, aveva chiesto aiuto a qualche reality per risollevare la sua situazione finanziaria. Sulla stessa scia anche l'evidentemente altrettanto disperata Loredana Bertè che, intervistata, ha dichiarato di essere disposta a partecipare alla prossima del grande fratello per evitare di finire come Michael Jackson. In un paese dove la dignità si svende alla velocità della luce e dove, i reality, sono visti come scorciatoie sicure verso la "fama", la ricchezza e il "successo"(qualche cattivone dice verso la demenza ma noi facciamo finta di non ascoltarlo), Elio Letizia viene intervistato da "Diva e Donna" e dichiara, con bambinesca eccitazione, di essere nella lista dei potenziali partecipanti all'isola dei famosi insieme alla figlia Noemi:"Sarebbe un'esperienza bellissima che mi aiuterebbe a crescere", sostiene un fin troppo ottimista Letizia.
Sebbene la Magnolia, casa produttrice del reality, smentisca categoricamente la possibilità di partecipazione dall'allegra famiglia a noi un dubbio viene; soprattutto conoscendo i geniali precedenti della piccola ragazza non prodigio così amica del Premier. Essendo molto maliziosi, infatti, abbiamo subito pensato che l'avventato Elio si sia lasciato sfuggire queste dichiarazioni un po' prima del tempo, provocando gli imbarazzi della produzione così come, la figlia, con il suo:"Berlusconi lo chiamo Papi", procurò a suo tempo imbarazzi all'intero paese. Tra l'altro, questo grottesco papà Letizia (che potremmo rinominare "Elio e le mani tese", dati i suoi precedenti come "tribuno"), pare sinceramente e profondamente convinto del suo definitivo lancio nel mondo dei vip attraverso la partecipazione al reality che, a questo punto, potremmo tranquillamente rinominare  "l'isola degli illusi". Di sicuro, la famiglia Letizia, come sublime surrogato della famiglia italica media, è un ottimo e lampante esempio: zero meriti, passato giudiziario torbido, tanto egocentrismo e un aggancio che, come direbbe la cara Iva Zanicchi (ora a Strasburgo per il suo noto e pluriennale attivismo politico):"è giusto".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©