Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

LIVIO DE LUCA IN CONCERTO E INAUGURAZIONE MOSTRA ANTICHI ORGANI


LIVIO DE LUCA IN CONCERTO E INAUGURAZIONE MOSTRA ANTICHI ORGANI
12/11/2008, 10:11

 

Sabato 15 Novembre alle ore 19,15, presso la Chiesa dell’Immacolata al Vomero, si svolgerà il quarto concerto della II edizione della rassegna Sette secoli di musica sacra perorgano a Napoli” organizzatadall’associazione organistica Giovanni Maria Trabaci,di cui è direttore artistico Mauro Castaldo,e patrocinata dalla Regione Campania e dal Conservatorio di Musica di Benevento “Nicola Sala”.
 
Siederà all’organo il musicista, studioso e saggista napoletano Livio De Luca,consulente Patrimonio Organario Soprintendenza B.A.P.-P.S.A.E. di Napoli e Provincia e Soprintendenza B.A.P.-P.S.A.E. Calabria, che eseguirà un repertorio non frequente nel panorama concertistico.
L’apertura sarà infatti rivolta al Preludio in mi minore del tedesco Nicholas Bruhns (1665-1697), prestigioso allievo di Buxtehude, che ebbe notevole influenza anche su Johann Sebastian Bach (1685-1750). Di quest’ultimo verranno eseguiti il noto Preludio al Corale “Wachet auf, ruft uns die Stimme” BWV 645 e il maestoso Preludio e fuga in sol maggiore BWV 542. Successivamente toccherà al Preludio in do minore e all’ Allegro in si bemolle maggiore, tratti dalla produzione di Felix Mendelssohn-Bartholdy (1809–1847). Il concerto si chiuderà con il Preludio in do maggiore e la Fuga in re minore di Anton Bruckner (1824-1896), autore noto ai suoi tempi soprattutto come organista, e con il Preludio dell’italiano Ottorino Respighi (1879-1936), tutte assolute rarità che impreziosiranno ulteriormente un programma già di per sé molto interessante. Il concerto è gratuito e aperto al pubblico.
 
Tra le attività dell’associazione Trabaci, oltre agli appuntamenti concertistici, verrà inaugurata mercoledì 19 Novembre alle ore 17.30 e continuerà fino al 29 (dalle ore 9.00 alle ore 19.00), la prima Mostra Fotografica degli Antichi Organi delle Chiese di Napoli, presso la Chiesa di San Severo al Pendino, in via Duomo a Napoli.
 
L’esposizione rappresenta un’occasione unica in cui sarà possibile vedere una parte della città di Napoli segreta e ricca di suggestioni. Dall’organo progettato da Luigi Vanvitelli agli strumenti costruiti dagli organari reali, ricchi di decorazioni e dipinti posti sulle mostre esterne. Una testimonianza di un artigianato napoletano, purtroppo scomparso, che ha lasciato un patrimonio artistico tra i più preziosi al mondo. Il percorso fotografico si arricchisce anche di immagini di organi restaurati e altri strumenti che versano in uno stato di completo abbandono; molti di essi sono stati fotografati in Chiese storiche purtroppo chiuse e Cappelle di palazzi gentilizi non aperti al pubblico.
A spettacolarizzare il percorso delle immagini anche le esibizioni musicali inserite nella rassegna “Cori in Mostra”, cui saranno protagonisti il 24, 26 e 28 Novembre, alle ore 18.00, il coro dell’associazione Agape Fraterna, diretto da Rosa Montano e il 25, 27 e 29 Novembre, sempre alla stessa ora, il coro polifonico Beata Virgo Maria, diretto da Elena Scala. L’ingresso è gratuito e aperto al pubblico.
 
In calendario, inoltre, altre due iniziative importanti di cui sono disponibili informazioni e modalità di partecipazione sul sito dell’associazione www.associazionetrabaci.it nella sezione “eventi”: il primo Seminario di giornalismo e comunicazione musicale, coordinato dal critico Stefano Valanzuolo che si svolgerà il 21 e 22 Novembre presso la sala conferenze della Chiesa di Santa Caterina a Chiaia e la I edizione del Concorso Corale di Napoli, sempre il 22 Novembre presso la Chiesa di Santa Caterina a Chiaia, in cui saranno assegnati prestigiosi riconoscimenti.
 
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©