Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Lohan, coniglietta


Lohan, coniglietta
15/10/2007, 18:10

Anche se con molta lentezza, comincia a prender corpo il progetto cinematografico sulla vita del padre fondatore di "Playboy", Hugh Hefner. Il regista Brett Ratner ha confidato a E! Online di aver già in mente qualche nome per il ruolo di Playmate. Su tutte tra le preferenze di Ratner c'è Lindsay Lohan: "Ha un grandissimo talento, quando è sobria. Potrebbe essere una meravigliosa coniglietta Playboy nel mio film".

 

Non si sa molto di più sulla pellicola, che non ha ancora un titolo. Di certo a contendersi il ruolo del magnate Hugh Hefner sono in molti e persino Leonardo Di Caprio pare stia facendo carte false per accaparrarsi il ruolo.

"Hefner viene da un mondo puritano - ha detto in una vecchia intervista a "Variety" il regista di "Red Dragon" e "Rush Hour" -, poi è diventato il padre della rivoluzione sessuale. Ha usato il suo giornale per difendere i diritti civili e la libertà d'espressione e ha inserito James Brown nello spettacolo "Playboy After Dark" quando le persone di colore non potevano esibirsi sulle reti nazionali. Hefner ha rotto ogni genere di taboo, specialmente nel sesso. Voglio mostrare tutto questo", ha spiegato Ratner. 

Intanto Lindsay Lohan ha lasciato il centro di riabilitazione dove era stata ricoverata lo scorso luglio. L'attrice 21enne è già al lavoro. Parteciperà con un cameo al film "Dare to Love Me", le cui riprese inizieranno questa settimana. Alla fine del ciak Lindsay tornerà in clinica per gli ultimi trattamenti. Il padre dell'artista, Michael Lohan, da poco ha riallacciato i rapporti con la figlia ed è anche andata a trovarla spesso in clinica.

"Lindsay sta benone - ha detto l'uomo a Usmagazine.com -. Sono molto orgoglioso di lei perché si sta riprendendo alla grande e sta facendo pulizia nells ua vita. Abbiamo parlato molto di quello che è successo. Penso tornerà a Los Angeles ma non vuole più avere a che fare con la sua vita precedente

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©