Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Sabato 15 febbraio alle 11 il secondo appuntamento

"L'Opera del mese" della Certosa e del Museo di San Martino

L'itinerario verterà sulla figura di San Martino

'L'Opera del mese' della Certosa e del Museo di San Martino
13/02/2014, 20:48

Napoli - La Certosa e il Museo di San Martino, per il secondo anno, presentano il ciclo  L’OPERA DEL MESE,  a  cura di Rossana Muzii. L’iniziativa‘mette in scena’, lungo l’articolato percorso museale, un dipinto, una scultura, un’ opera d’arte decorativa o un restauro, proponendo ai visitatori un avvicinamento più completo al patrimonio del museo. Il secondo  appuntamento, previsto per sabato 15 febbraio alle ore 11, dal titolo ‘La figura di San Martino per la Certosa: dalla scultura di Pietro Bernini alla pittura di Francesco Solimena’, è a cura della storica dell’arte Imma Molino. La visita è dedicata alla figura di San Martino  al quale la Certosa fu consacrata nel 1368. La dedica al santo cavaliere di Tours non stupisce, visto il grande risalto che il culto a lui dedicato ebbe durante tutto il Medioevo. L’itinerario  costituirà  l’occasione  per  ripercorrere, in diversi ambienti del complesso museale, le  molteplici interpretazioni che vari ed importanti artisti hanno fornito della figura del Santo titolare della Certosa.  

Imma Molino quali aspetti verranno portato alla luce nel corso dell'itinerario?
Sarà presa in considerazione la diversa interpretazione della figura di San Martino (santo titolare della Certosa) in artisti diversi e arti diverse, pittura scultura marmorea e lignea.

 
Quali sono le domande o le curiosità che più spesso le vengono rivolte?
Il pubblico è incuriosito e interessato a vicende relative alla movimentazione e conservazione delle opere, materiali e restauri.

A quale target o fascia d'età si rivolge principaente l'iniziativa?
L'iniziativa è concepita come un surplus incluso nel biglietto d'ingresso e può quindi coinvolgere potenzialmente tutti i visitatori presenti quel giorno al museo 
 

 

 

Commenta Stampa
di Arianna Piccolo
Riproduzione riservata ©