Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Iniziativa della VIII Municipalità e Camera di Commercio

Luci di Natale per i quartieri della faida

Iniziativa della VIII Municipalità e Camera di Commercio

.

Luci di Natale per i quartieri della faida
21/12/2012, 13:36

Il Natale illumina i quartieri della faida: a Marianella ed in tutta l'ottava Municipalità di Napoli istituzioni e cittadini scacciano la camorra con luci e canti. In piazza Sant'Alfonso a Marianella, a pochi passi dal luogo in cui lo scorso 15 ottobre fu ucciso per errore Lino Romano, vittima innocente della camorra, è stato acceso l'albero di Natale donato al territorio dalla Camera di Commercio partenopea. "Accendere le luci in questa piazza - ha detto il presidente dell'ente camerale Maurizio Maddaloni - è soprattutto un segnale di presenza, ma non solo. Noi - ha aggiunto Maddaloni - vogliamo illuminare le strade in cui ogni giorno commercianti, imprenditori e artigiani vivono sulla propria pelle l'odiosa presenza di chi può decidere la vita di un ragazzo, di un'impresa e il destino di una comunità". Alla cerimonia ha partecipato anche il presidente della Municipalità Angelo Pisani che ha sottolineato l'importanza delle luci che sono "luci di speranza, di legalità, di valori". "Accendiamo il buio - ha aggiunto - se in passato abbiamo perso qualche battaglia, vinceremo questa guerra di legalità soprattutto per i giovani". Ad animare le strade del quartiere, giocolieri e Babbo Natale a bordo della sua slitta e con gli elfi. Un primo passo per rilanciare il quartiere di Marianella, alla periferia nord di Napoli, partendo dal recupero dei luoghi in cui visse e operò Sant'Alfonso Maria dei Liguori. A lanciare la proposta il presidente della Camera di Commercio Maurizio Maddaloni in occasione dell'accensione dell'albero di Natale nel quartiere. "Questo territorio - ha detto Maddaloni - potrebbe essere valorizzato in chiave turistica, culturale e, dunque, economica valorizzando la casa natale di Sant'Alfonso rendendola meta di pellegrinaggio andando così a valorizzare un territorio martoriato di questa città". 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©