Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Turisti contemplativi e riformisti

Luigi Caramiello e Marianna Sasso "Ischia tra sogni e bisogni"


Luigi Caramiello e Marianna Sasso 'Ischia tra sogni e bisogni'
25/10/2010, 11:10

I sociologi Luigi Caramiello e Marianna Sasso hanno di recente pubblicato il volume “Ischia tra sogni e bisogni”  - edizioni della Meridiana ovvero Ischia e il suo sviluppo turistico attraverso il mondo della cinematografia. Caramiello giornalista professionista e docente di Sociologia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II mette in luce il legame fra Ischia e il cinema, come volano di crescita economica e trasformazione sociale dell’isola verde.
La poetica di Luchino Visconti e la progettualità di Angelo Rizzoli sono stati i motori della sua innovazione e modernità. Forte l’impatto che la fabbrica dei sogni ha avuto sull’economia, sulla cultura e la società nella sua globalità dell’isola a partire dagli anni 30. Secondo gli autori i modelli di Visconti e di Rizzoli si risolvono nel dualismo tra i turisti “contemplativi” e quelli “riformisti”. I primi sono rappresentati da una élite che si rintana, mentre i riformisti sono interventisti, quelli che avversano la visione contemplativa e pensano che il turismo oggi deve essere accompagnato da un’aspirazione di progresso, da un intervento fattivo e razionale. Si deve pensare di intervenire sull’isola alla maniera di Rizzoli, con intelligenza e rispetto dell’ambiente. L’interventismo rischia di fare perdere i tratti identitari che sono propri di Ischia. Nell’immediato provoca benefici economici, ma nel lungo termine porta alla decadenza, a quel turismo di rapina.

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©