Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

MADRE LUNA: ANTEPRIMA ASSOLUTA A LONDRA


MADRE LUNA: ANTEPRIMA ASSOLUTA A LONDRA
27/01/2009, 08:01

L’Istituto Italiano di Cultura a Londra, in collaborazione con Italian Theatre Season, presenterà ed ospiterà, venerdì 30 gennaio 2009 alle ore 2o.00, in anteprima assoluta, Madre Luna, spettacolo scritto e diretto da Fortunato Calvino, nell’interpretazione di Imma Piro e la partecipazione di Ivano Schiavi. L’allestimento si avvale delle musiche originali di Paolo Coletta, la scena di Paolo Foti, i costumi di Annamaria Morelli.

L’Italian Theatre Season, alla sua seconda edizione, rappresenta un’importante opportunità per avvicinare un pubblico sensibile e colto come quello londinese, al nostro teatro contemporaneo e, in generale, alla nostra ricchissima realtà culturale.
L’iniziativa, creata e diretta dal prof. Mariano D’Amora dell'University of London, si pone l’obiettivo di creare di una rassegna stabile, in cui proporre il meglio della drammaturgia contemporanea italiana e campana a Londra, una delle capitali mondiali del teatro.
Il testo di Fortunato Calvino, che debutterà presso la splendida Sala Teatrale dell’Istituto Italiano di Cultura a Londra, è dedicato a Paolo Castaldi e Luigi Sequino, uccisi per errore.
S’ispira alla vicenda dei due giovani uccisi a Pianura (Napoli) il giorno 11 agosto del 2000, mentre erano in macchina a chiacchierare e scambiati per due guardaspalle del capoclan Rosario Marra.
Un intenso omaggio alle loro sventurate madri, ma anche a tutte le donne che hanno perso un proprio caro in guerre ordite da altri, con l'auspicio che dal dolore possa nascere un futuro migliore per tutti i giovani di questa tormentata città.
E’ una calda notte d'agosto, una madre aspetta il figlio che tarda a rientrare. La luna piena illumina il cielo e riflette i suoi raggi sui mobili della camera da letto, alimentando in lei un'inspiegabile inquietudine. La donna è sola in casa, il marito è al lavoro.
Nel silenzio della casa racconta storie ad alta voce, immaginando che il figlio possa ascoltarle, come faceva dal suo lettino di bimbo prima di addormentarsi.
Cede al sonno, poi si risveglia di soprassalto. Ancora sonnacchiosa, crede di sentire il figlio nella sua camera e gli parla come ogni volta che rientra a casa, ma lui non può risponderle.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©