Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Secondo appuntamento con la tradizione della buona tavola

"Mangiare con l'arte", la buona tavola nei migliori musei

Organizzato da Camera di Commercio e Agripromos

.

'Mangiare con l'arte', la buona tavola nei migliori musei
08/05/2012, 14:05

Dopo il successo dello scorso anno, torna l’iniziativa “Mangiare con l’Arte” i weekend nel segno della tradizione agroalimentare napoletana con menù rigorosamente a base di prodotti che hanno ottenuto il marchio di qualità. Il progetto si affianca al Maggio dei Momenti, importante attrattore turistico, e dal 19 maggio al 3 giugno organizzerà degustazioni e distribuzione di materiale informativo nei più importanti musei di Napoli e nelle principali stazioni della metropolitana e della funicolare. “Il nostro obiettivo – ha dichiarato il presidente della Camera di Commercio di Napoli, Maurizio Maddaloni – è far conoscere le eccellenze e le potenzialità delle produzioni tipiche locali coinvolgendo le imprese agricole dell’area metropolitana, i ristoranti, le gastronomie, i musei ed i luoghi di maggiore affluenza turistica come la Stazione Centrale, l’aeroporto di Capodichino, la Stazione Marittima ed alcune piazze cittadine. Abbiamo coinvolto inoltre – ha proseguito Maddaloni – il museo di San Gennaro, il museo Nazionale, il museo Duca di Martina e la basilica di San Lorenzo”. La Camera di Commercio di Napoli si avvarrà della preziosa collaborazione di Agripromos, azienda speciale dell’ente camerale napoletano nata con l’obiettivo di supportare lo sviluppo delle imprese del comparto agricolo e del settore agroalimentare della provincia di Napoli da dove proviene la maggior parte dei prodotti tipici di eccellenza. “I prodotti tipici di una terra – ha spiegato il presidente di Agripromos, Pasquale Russo – non sono merci ma racconti di vita. Esprimono le terre da cui hanno tratto origine, narrano le storie di uomini che li hanno creati, raccontano la terra che li produce in modo più esauriente di qualsiasi libro di storia. Mangiarli vuol dire diventare parte di quella terra”.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©