Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Maratona di Napoli, Pulcinella e Babbo Natale nei reparti pediatrici degli ospedali partenopei


Maratona di Napoli, Pulcinella e Babbo Natale nei reparti pediatrici degli ospedali partenopei
19/12/2011, 13:12

Festa grande tra i bambini ricoverati nei reparti di Pediatria degli ospedali napoletani grazie alla Maratona di Natale, l’iniziativa di solidarietà promossa oggi dagli organizzatori della maratona di Napoli in collaborazione con la Ep congressi. Atleti travestiti da Pulcinella (simbolo della maratona di Napoli, quest’anno in programma il prossimo 29 gennaio) e giovani ragazze con l’abito di Babbo Natale hanno girato i diversi nosocomi partenopei per consegnare doni e dolciumi ai ragazzini ricoverati e ai loro genitori.

Il tour di solidarietà è partito dall’istituto nazionale dei tumori fondazione Pascale, con il primo dono consegnato simbolicamente ad una bambina nata da pochi giorni e alla sua giovane mamma a cui è stato asportato un tumore contestualmente al parto, parto avvenuto in maniera eccezionale proprio all’istituto Pascale. Presenti tra gli altri l’assessore allo Sport del Comune di Napoli, Giuseppina Tomasselli, il direttore generale dell’istituto, Tonino Pedicini, e il dottor Alfredo Siani, da sempre vicino a questo tipo di iniziative.

Gli atleti travestiti da Pulcinella e Babbo Natale si sono poi recati al reparto di Pediatria dell’Aou Federico II, quindi al Santobono, poi sempre di corsa al dipartimento di Pediatria dell’azienda ospedaliera universitaria Sun (policlinico vecchio), per poi dirigersi all’ospedale Annunziata. La maratona di solidarietà è terminata al Pausillipon.

“Siamo contenti – affermano il presidente e il vicepresidente della maratona di Napoli, Alfredo Pagano e Geremia Schiavo – di avere regalato un sorriso ai ragazzi costretti a restare nei diversi reparti di Pediatria e ai loro genitori. Siamo al secondo appuntamento e le emozioni vissute ci proiettano già al prossimo anno, anche se stiamo studiando altre manifestazioni simili anche per i prossimi mesi, vista anche la positiva risposta degli atleti”.

“Un doveroso ringraziamento – sottolinea Emanuela di Napoli Pignatelli di Ep congressi – anche l’associazione Underforty women breast care e l’Alts per il sostegno mostratoci”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©