Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

Marcianise. Bagarre ferie in Coca Cola la Ugl smentisce la Rsu


Marcianise. Bagarre ferie in Coca Cola la Ugl smentisce la Rsu
26/09/2013, 16:05

MARCIANISE - La Ugl Agroalimentare Caserta ha recapitato questo pomeriggio una smentita ufficiale agli organi di stampa relativa alle comunicazioni apparse nella bacheca sindacale dello stabilimento Coca Cola HbC Italia di Marcianise. La nota precisa che sia nel comunicato senza firme, apparso oggi nella bacheca sindacale, la cui presunta paternità è da attribuire alla Rsu, sia sul verbale sottoscritto su carta intestata Coca Cola HbC Italia, la cui fotocopia è girata nei giorni scorsi di mano in mano, senza mai essere affissa in qualsivoglia spazio aziendale e/o sindacale viene specificato che a monte della sigla dell’accordo sulla fruizione delle ferie aziendali sono state interpellate le segreterie territoriali dei sindacati presenti in azienda. A tal proposito la Ugl Agroalimentere Caserta precisa che non è mai stata convocata per affrontare tale discussione e che pertanto, a sua tutela, intenderà nei prossimi giorni fare chiarezza riguardo a quanto appreso. Pur dichiarandosi disponibile ad una discussione sull’argomento, la Ugl Agroalimentere Caserta disconosce l’accordo in questione ritenendolo non valido. “Delle due l’una” spiega il dirigente provinciale Ciro De Vita “o le segreterie territoriali non sono mai state convocate ed allora l’accordo non è valido poiché cita una circostanza che non si è verificata oppure la sola Segreteria della Ugl Agroalimentare Caserta non è stata ascoltata ed allora ci toccherà ricorrere nelle sedi preposte a causa di un inequivocabile caso di comportamento antisindacale. Nello stesso momento in cui veniva licenziata una dipendente per un presunto superamento della posizione lavorativa” conclude il sindacalista “e  sessanta giorni dopo una disposizione aziendale di nuovi turni comunicata in modalità ancora non chiarite,  la Rsu non ha trovato altro da fare che sottoscrivere un accordo al ribasso che appare francamente inutile”. “Un disposizione sulle ferie, così come un qualunque verbale che ridefinisca la turnazione non può non essere portato in assemblea e sottoposto a referendum” ha commentato il Segretario Regionale della Categoria Ferdinando Palumbo ”quando si parla di ferie e di turni si incide sulla vita dei dipendenti e su quella delle loro famiglie, non è tollerato essere superficiali”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©