Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

14 brani tutti in lingua inglese di cui 11 inediti e 3 cover

Mario Biondi presenta il suo nuovo album "If"


Mario Biondi presenta il suo nuovo album 'If'
05/11/2009, 16:11

"Be lonely", il singolo estratto dal nuovo album "if" di Mario Biondi, è in tutte le radio dallo scorso 30 ottobre. L'uscita del nuovo lavoro dell'artista catanese è prevista invece per il 6 novembre.
14 i brani con 11 inediti e 3 cover. Quello che ha già ottenuto il titolo di disco di platino, con 70.000 copie pre-vendute, non sarà prodotto da una Major ma dalla "Tattica". "Sono contento di aver realizzato un disco in libertà" ha infatti commentato soddisfatto Biondi che duetterà con Chaka Khan e sarà nel progetto di Claudio Baglioni.
Il musicista parla dell'amicizia nata con Renato Zero; spiegando che è stata quest'ultima a convincerlo di non puntare su una major e di affidarsi alla tattica: "
L'incontro con Renato è stato molto utile dal punto di vista professionale e anche artistico. Lui ha sempre anticipato i tempi ed è per questo che dopo 40 anni di onorata carriera ha deciso di fondare Tattica perché si era trovato sempre in difetto rispetto alle posizioni della Sony".
"Mi sono affidato a questa nuova etichetta - continua il cantante - anche perché si occupa del disco totalmente a livello logistico, della promozione e anche della distribuzione.
Un esempio di discografia indipendente gestita da un big come Zero che ha permesso a Biondi di muoversi nella più totale autonomia durante la creazione di "If". Tutti i pezzi contenuti nell'album sono in lingua inglese e il cantautore non fa mistero:"Credo sia arrivato il momento di puntare sul mercato internazionale".
Nonostante l'enorme successo ottenuto dal 2004, anno dell'uscita  di "Handful of Soul", Mario Biondi si dice ancora pieno di sogni ed ambizioni. "Sogno di duettare con Whitney Houston- ammette infatti- visto che è tornata alla grande dopo un periodo difficilissimo. Solo le grandi star come lei possono rialzarsi in piedi con grande successo".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©