Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Martedì 30 ottobre Leda Bertè presenta la Fondazione Mia Martini


Martedì 30 ottobre Leda Bertè presenta la Fondazione Mia Martini
25/10/2012, 10:01

Il 30 ottobre alle ore 12.00 presso Palazzo Valentini, Sala Peppino Impastato, verrà presentata a stampa e addetti ai lavori la Fondazione Mia Martini.

Iniziativa fortemente voluta da Leda Bertè - sorella maggiore della grande interprete - con il Patrocinio della Provincia di Roma, la Fondazione vuole finalmente accendere un cono di luce sulla figura di una delle più grandi artiste italiane di sempre, raccogliendo in un’unica struttura il lavoro, l’anima e la memoria di Mia Martini.

La Mia Martini donna - violata - che ha parlato alle donne e per le donne, la Mia Martini interprete che ha dato voce, fuor di metafora, alla condizione femminile e al suo mondo ricco di incredibili risvolti, la Mia Martini autrice che non ha mai smesso di raccontate storie, tra gioie e sofferenze, con quella forza espressiva che la pone al di sopra di ogni altra interprete italiana.

Nessun concerto era uguale a un altro, ogni occasione live era una scoperta dell’anima travagliata e complessa di un’artista unica che ora rivive finalmente nelle attività della Fondazione Mia Martini

“Il nostro intento è quello di dare una giusta collocazione ad una delle più grandi interpreti della canzone italiana, Mia Martini, e far si che il suo mito rimanga intramontabile nel tempo” preannuncia Leda Bertè sorella maggiore di Mia a cui si deve la nascita della Fondazione.

Valorizzazioni di progetti musicali emergenti, con un’attenzione particolare al femminile, ma anche iniziative etiche e sociali indirizzate al recupero psicologico, sempre attraverso il linguaggio musicale, di donne violate, e la creazione di un archivio definitivo, sono gli obiettivi principali della Fondazione che presenterà l’intero progetto martedì 30 ottobre presso la sede della Provincia di Roma, Palazzo Valentini, Via IV Novembre 119, Sala Peppino Impastato, alle ore 12.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©