Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Festa dei bambini al fondo sturzo

Martinez: “Ripartiamo dai bambini per reimparare a sperare”

« È arrivato l’anno nuovo. È tornato don Luigi!»

Martinez: “Ripartiamo dai bambini per reimparare a sperare”
04/01/2012, 11:01

La Fondazione “Istituto di Promozione Umana «Mons. Francesco Di Vincenzo»”, in collaborazione con la Clementoni S.p.A. di Recanati (MC), sotto l’egida della Diocesi di Piazza Armerina e della Diocesi di Caltagirone, organizza la FESTA DEI BAMBINI AL FONDO STURZO “ È ARRIVATO L’ANNO NUOVO. È TORNATO DON LUIGI!”

La Festa è in programma presso il Casale del Fondo Sturzo, in Contrada Russa dei Boschi, a Caltagirone, giovedì 5 gennaio 2012.

L’evento è riservato a circa 100 bambini in età scolare (sino agli 11 anni) provenienti da famiglie in difficoltà o senza famiglia, secondo gli elenchi posseduti dagli assessorati locali competenti e dalle Caritas diocesane.

I bambini saranno coinvolti in giochi ed animazioni loro dedicate, anche con riferimenti alla figura di Don Luigi Sturzo. Previsto un rinfresco e la speciale distribuzione di doni che per la circostanza saranno offerti dalla Clementoni S.p.A., allo scopo felicemente sensibilizzata.

Le Diocesi di Piazza Armerina e di Caltagirone saranno rappresentate dai due Vescovi ordinari, rispettivamente Mons. Michele Pennisi e Mons. Calogero Peri. Presenzierà all’iniziativa anche Salvatore Martinez, presidente della Fondazione “Mons. F. Di Vincenzo” che ha dato vita al Polo di Eccellenza “Mario e Luigi Sturzo”.

L’incontro si svolgerà in due tempi:
• dalle ore 15.30 alle ore 17.00 saranno accolti i bambini provenienti dalla diocesi di Caltagirone;
• dalle ore 17.30 sarà la volta dei bambini provenienti dalla diocesi di Piazza Armerina.

“Una tradizione – ha dichiarato Salvatore Martinez – che, avviata lo scorso anno, vogliamo fare crescere nel cuore della terra di Sicilia. In questo umile gesto di carità sociale e di giustizia riparativa a vantaggio dei nostri bambini disagiati, svantaggiati, altrimenti esclusi, è il migliore regalo che possiamo fare a noi stessi, alla nostra coscienza sociale nel tempo della crisi. I nostri bambini hanno il segreto della speranza: sono loro che ci spingono a guardare con fiducia al futuro e a riconoscere nell’uomo e nella sua dignità la più grande ricchezza su cui investire, da cui ripartire. Dare credito alle profezie sociali di don Luigi Sturzo, riattualizzarle nei luoghi della sua giovinezza e del suo primo impegno civile, farne destinatari i nostri figli più piccoli, ci pare un fatto davvero confortante, una spinta morale e spirituale propulsive per il futuro che ci attende e che vogliamo”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©