Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Lungo confronto tra Sergio Zavoli ed il dg della Rai

Masi:"Su Santoro deciderà cda, il Tg1 è un telegiornale vivo"


Masi:'Su Santoro deciderà cda, il Tg1 è un telegiornale vivo'
16/06/2010, 18:06

ROMA - "Al Tg1 è in corso una fase molto attiva di una 'contaminazione' dei generi che fa la cifra del successo della testata. Penso che il Tg1, ma vale anche per gli altri telegiornali e lo noto anche all'estero, possa fare una 'contaminazione' di generi molto interessante". E' quanto afferma Mauro Masi dopo essere stato "interrogato" da Sergio Zavoli in merito alla qualità ed allo scivolamento verso il frivolo di quello che resta comunque il primo telegiornale nazionale.
All'audizione organizzata dalla Rai  alla presenza del dg e del presidente dalla Commissione di Vigilanza, i temi trattati sono diversi ed il primo è proprio riferito alla creatura Minzoliniana che, senza troppi giri di parole, Masi difende convintamente:"È un telegiornale vivo, che segue i trend della società e fa contaminazione di generi, che è il futuro delle televisione. Il Tg1 soffre meno del Tg5 la crisi - precisa poi il dg -. Nei primi cinque mesi dell'anno ha perso l'1,3%, mentre il Tg5 ha perso l'1,8%. Il vantaggio sul telegiornale concorrente è cresciuto dal 3,8% al 4,1%".

NODO SANTORO
Riguardo Santoro, il direttore generale, non afferma nulla di particolarmente nuovo rispetto a quanto si sapeva già. Per Masi, infatti, sarà il Cda a decidere formalmente riguardo il noto conduttore e giornalista e le sue future sorti nella televisione pubblica. Al momento, in via ufficiale, Annozero è stato inserito regolarmente nei palinsesti per la stagione 2011 ma, da quanto si evince, non è escluso che si contratti con Santoro l'oramai mitologica uscita come dipendente e l'inizio di un rapporto di collaborazione.

SAVIANO E FAZIO
Riguardo "Vieni via con me"; lo show co-condotto da Roberto Saviano e Fabio Fazio, Masi anticipa che "andrà in onda il lunedì o il venerdì e non ci sarà nessuna sovrapposizione con la Champions League il mercoledì".
Il dg precisa, inoltre, che sulla futura trasmissione "non ho dato giudizi apodittici... mi è stata proposta all'ultimo minuto e ho solo detto vediamo di cosa si tratta. In ogni modo, l'unica trasmissione tolta dal prossimo palinsesto è 'Il fatto del giorno' su Raidue".
Sull'altrettanto delicato ed intricato nodo dei compensi di dipendenti ed ospiti dei programmi Rai, Masi vuole essere sicuro "di operare secondo la normativa esistente" e "Per questo motivo - sottolinea Masi - ho scritto ai tre Garanti (privacy, comunicazioni e concorrenza, ndr), per evitare che poi qualcuno si lamenti".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©