Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Medaglia al Merito per le operazioni post terremoto, premiazione alla fondazione Valenzi


Medaglia al Merito per le operazioni post terremoto, premiazione alla fondazione Valenzi
31/01/2012, 16:01

Saranno assegnate nel corso di una cerimonia ufficiale che si svolgerà sabato 4 Febbraio dalle ore 10 e 30 al Maschio Angioino nella sede della Fondazione Valenzi, l’istituzione internazionale dedicata a Maurizio Valenzi, l’ex parlamentare italiano ed europeo, sindaco a Napoli dal 1975 al 1983, le medaglie con diploma di merito allo stesso Maurizio Valenzi, a Francesco Compagna, a Andrea Geremicca e a Uberto Siola come riconoscimento dell’opera svolta nella gestione dell’emergenza napoletana scaturita all’indomani del tragico terremoto del 23 Novembre 1980.

Ad assegnare il riconoscimento è stato l’ISPRO – Istituto di Studi e Ricerche sulla Protezione Civile e Difesa Civile, presieduto da Giuseppe Zamberletti, fautore del Dipartimento della Protezione Civile e all’epoca del terremoto Commissario Straordinario per il coordinamento dei soccorsi.

A ritirare la medaglia per Maurizio Valenzi ci saranno i figli, Lucia e Marco; per Francesco Compagna, il figlio Luigi e per Andrea Geremicca, il figlio Federico.
Uberto Siola, invece, riceverà direttamente dalle mani del presidente dell’ISPRO il riconoscimento.
“Il terremoto del 1980 – dichiara Lucia Valenzi -colpì soprattutto le zone interne della Campania, ma devastò anche il tessuto sociale e civile della città di Napoli. E’ importante oggi ricordare e valutare le ombre ma anche le luci di quel periodo. Oltre al dolore e ai problemi che il sisma provocò, ci sono stati volontariato e solidarietà, ma anche collaborazione tra le istituzioni e impegno dei loro rappresentanti: mio padre all’epoca Sindaco della città, Geremicca e Siola assessori della Giunta a Napoli e Compagna nel governo a Roma”.

Al termine della Cerimonia sarà proiettato il documentario di Fabrizio Bancale “Terremoto 80. La scossa che ha cambiato l'Italia”, prodotto da Panamafilm.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©