Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Mercoledì 13 giugno presentazione libro "Il Capitano e la Concordia" di Alessandro Gaeta


Mercoledì 13 giugno presentazione libro 'Il Capitano e la Concordia' di Alessandro Gaeta
11/06/2012, 12:06

LIBRI: INCHIESTA COSTA CONCORDIA  Siete pronti a rovesciare le vostre opinioni su Schettino e su De Falco?

Con “IL CAPITANO e LA CONCORDIA. Inchiesta sul naufragio all’Isola del Giglio” (Ed. Anordest), il giornalista del Tg1 Alessandro Gaeta cerca di rovesciare le convinzioni della prima ora che volevano il capitano Schettino colpevole e codardo e il comandante De Falco l'uomo che incarna il richiamo al dovere. Sullo sfondo l'affare dei grandi alberghi galleggianti e l'incrocio di responsabilità dei protagoniosti della vicenda. Prefazione: Raimondo Bultrini

In libreria da giovedì 24 maggio

IL CAPITANO e LA CONCORDIA Una nave gigantesca con quattromila persone a bordo piegata nel mare, i naufraghi, le vittime ripescate dopo giorni e giorni di ricerche e un capitano colpevole che abbandona il ponte di comando. La storia della Costa Concordia sembrava chiusa. Ora invece dal relitto semisommerso nell’acqua azzurra dell’isola del Giglio emergono nuove verità in grado di ribaltare meccanismi, colpevoli ed eroi del naufragio italiano. Francesco Schettino che ha portato la Costa Concordia sugli scogli potrebbe non essere il prototipo del vigliacco e il comandante della Capitaneria di Porto di Livorno Gregorio De Falco potrebbe non essere l’eroe capace di far fronte all’emergenza col piglio severo del giusto. Le vacanze in crociera sono un grande business ma il fascino del depliant può trasformarsi in tragedia. Un giornalista del Tg1 Alessandro Gaeta ha deciso di immergersi nelle acque in cui è naufragata la Costa Concordia. Le ha trovate torbide. E con molte sorprese.

"Dopo mesi di ricerche e di lettura di tutti gli atti d'indagine finora disponibili mi sono convinto -spiega Alessandro Gaeta- che oltre a quella di Francesco Schettino, autore di una manovra folle e pericolosa, esistono altre responsabilità che nelle ricostruzioni giornalistiche della prima ora apparivano troppo in secondo piano. Prima di tutto la nave non doveva trovarsi lì dove è avvenuto l'incidente e questo nonostante il sistema di sorveglianza del traffico navale, costato milioni di euro e affidato ai controlli della Guardia Costiera, funzionasse alla perfezione. E poi: perchè sulla nave molti apparati non hanno funzionato come avrebbero dovuto? L'organizzazione dei soccorsi è stata all'altezza di quanto stava avvenendo? E infine: perchè la nave è affondata all'improvviso abbattendosi sul fianco destro? In attesa della perizia che sarà consegnata al Gip di Grosseto il prossimo 21 luglio negli atti già si trovano molte verità incontrovertibili e su quelle ho basato il mio lavoro".

Al libro ha collaborato il contrammiraglio in congedo Salvatore Schiano Lomoriello già comandante dei porti di Napoli e Salerno e coordinatore di molti soccorsi in mare.



Alessandro Gaeta ha 50 anni, è sposato con due figli, e fa il giornalista dal 1981 prima nella carta stampata dove ha lavorato a Paese Sera e all’Agenzia ANSA e poi alla Rai dove, negli anni di Angelo Guglielmi e Sandro Curzi, ha collaborato con Michele Santoro alla realizzazione della trasmissione Samarcanda. Dal 1996 lavora nella redazione del Tg1. Ha seguito come inviato speciale i conflitti in Afghanistan, Iraq, Medio Oriente e Balcani, ha accompagnato missioni scientifiche in Antartide e sul K2. Attualmente è autore e inviato per le trasmissioni Tv7 e Speciale Tg1. I suoi lavori hanno ricevuto riconoscimenti come il Premio Ilaria Alpi e il Premio Cronista dell’Anno. “Il capitano e la concordia” è il suo primo libro.

Raimondo Bultrini è giornalista del gruppo L'Espresso/La Repubblica dove scrive dal Sud-Est asiatico e dal subcontinente indiano.

La presentazione del libro "Il Capitano e la Concordia" del giornalista Rai Alessandro Gaeta è stata spostata a Mercoledì 20 giugno 2012 nello stesso luogo e alla stessa ora (Circolo Canottieri di Napoli ore 18.30).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©