Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

MIA MOGLIE E' UNA SANTA


MIA MOGLIE E' UNA SANTA
14/01/2009, 16:01

Tanta ironia, un pizzico di umorismo, 3 coppie "scoppiate", danno vita a questo testo curioso, leggero e senza troppe pretese, per un argomento scottante, ma attuale.. che si consiglia di non approfondire. 

In amore non ci sono regole fisse. Forse ai tempi e nel mondo di Peynet, ma alle soglie del 2009 dove tutto poggia su basi incerte, l'amore poggia su basi incertissime.
 
Le parole "fedeltà", "amore eterno" hanno ancora un senso o sono semplicemente una presa in giro? E in questo panorama così mutato rispetto a 50 anni fa che senso ha lo scambio di coppia? Domande lecite che ci si pone quasi di continuo nell'ultimo periodo. Qualcuno dice: per rompere la monotonia... per cercare sensazioni nuove… ma quasi tutti convengono che la causa scatenante sia "la noia"! Perché negli anni in cui "fare all'amore" non è più quella cosa difficile dei tempi passati, la probabilità che presto passi la voglia di farlo è molto alta. Allora sperimentare nuove strade è utile e lo scambio di coppia pare rappresenti una valida opportunità. E il suo diffondersi così velocemente fino a divenire una vera e propria moda, un divertimento quasi normale, ne è la dimostrazione.
 
Questi interrogativi sembrano esserseli posti anche i nostri protagonisti che si trovano a riflettere sul mondo dei sentimenti e delle emozioni, alla riscoperta di una dimensione privata. Il tema si articola in un crescendo di situazioni divertenti che, mettono bene in luce il carattere dei personaggi in un sagace intreccio tra apparenza e verità, con ritmi sostenuti che assecondano l'andamento della scrittura e mantengono viva l'attenzione.
 
A chi ci chiede: "Scambio si o Scambio no?" noi rispondiamo parafrasando una vecchia canzone di Finardi "Sarà sempre un nuovo gioco a tener acceso il fuoco?..." ma il dubbio amletico è d'obbligo: o il fuoco ci brucerà?

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©