Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Michael Jackson: assistente medico avrebbe fatto iniezione letale


Michael Jackson: assistente medico avrebbe fatto iniezione letale
03/08/2009, 14:08

Il fatto di non avere una versione ufficiale della morte di Michael Jackson, fa impazzare le voci e le riscostruzioni più o meno attendibili. Questa volta tocca al Sun, che avanza il sospetto che Micheal Jackson sia stato ucciso dalla combinazione di un potente anestetico, il Propofol, e di un potente antidolorifico, il Demerol. Infatti, secondo questa ricostruzione, il dottor Conrad Murray, medico personale della star, gli aveva somministrato il Propofol per farlo dormire, ma poi si era addormentato. Michael si è svegliato prima di lui e ha chiesto all'assistente un antidolorifico; e gli è stato somministrato il Demerol. Ma nel suo organismo c'era ancora in circolo il Propofol, e la combinazione dei due medicinali è stata letale. Inoltre, il fatto che il Dottor Murray dormisse, gli ha impedito di intervenire adeguatamente per una rianimazione d'urgenza.
Su News of the World, invece, è apparsa una foto del letto in cui stava Michael Jackson, scattata il giorno dopo la sua morte. Si vedono tubi collegati a sacche per i medicinali; un apparecchio per la respirazione; ma anche un pannolone per l'incontinenza. Come poteva fare degli spettacoli - e per di più 50 spettacoli - in quelle condizioni, è e resterà un mistero.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©