Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

L'idea nasce per tutelare la salute delle donne a lavoro

Miss Italia, nasce il calendario speciale "Donne che Vincono"

Il concorso presenta le immagini con Anmil e Inail

Miss Italia, nasce il calendario speciale 'Donne che Vincono'
16/11/2011, 10:11

ROMA - Un'idea innovativa quella messa in campo da Anmil, Inail e Miss Italia per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla tutela della salute delle donne sul luogo di lavoro. Si tratta del calendario speciale "Donne che Vincono", che si è avvalso delle straordinarie immagini scattate dalla fotografa Tiziana Luxardo. Dodici donne, le loro storie. Donne che nella vita hanno vinto grazie alla loro tenacia e alla loro determinazione. Donne che sono state duramente colpite da un incidente sul lavoro e che improvvisamente hanno dovuto riprogettare totalmente la loro vita e i loro sogni, ma al contempo sono riuscite a preservare la loro femminilità e il loro ruolo all’interno della famiglia. Accanto e insieme a loro altre dodici giovani donne che hanno raggiunto il sogno di diventare Miss nel Concorso più prestigioso del nostro Paese. Due mondi che si incontrano e si uniscono con il comune obiettivo, tutto al femminile, di raccontare, attraverso immagini e storie, una dura realtà che può colpire chiunque e in qualsiasi attività lavorativa. “Per contrastare il fenomeno degli infortuni sul lavoro servono volontà, determinazione e impegno allargati e condivisi. Ma per far conoscere i risvolti nella vita di una donna all’indomani di un infortunio sul lavoro, dove al danno si aggiungono fattori di discriminazione che influiscono nella sfera sociale e lavorativa, è determinante avvalersi di sinergie straordinarie”, dichiara il Presidente dell’ANMIL Franco Bettoni. Proprio Bettoni ha promosso questa iniziativa, nata in collaborazione con l’INAIL, che ha visto il Presidente della Miren, la società che organizza il Concorso di Miss Italia, Patrizia Mirigliani, aderire con piena convinzione ad un progetto ''che punta a valorizzare il ruolo delle donne nella società''.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©